Archivi

A Firenze dipendenti Ataf artisti per un giorno per i piccoli del Meyer

Firenze – 13 opere d’arte realizzate da alcuni dipendenti dell’Ataf, l’azienda di trasporto pubblico fiorentina, con pezzi di ricambio dei vecchi bus per la mostra RARA (Riciclaggio Artistico Ricambi Autobus) saranno battute all’asta domenica 12 dicembre alle ore 16.30 alla Stazione Leopolda nell’ambito dell’esposizione natalizia Florence Noel: il ricavato sarà devoluto alla Fondazione dell’Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze.

Tavoli, sedie, espositori e complementi d’arredo: tutto realizzato con pezzi di recupero degli autobus di linea Ataf e tanta fantasia: tutte le opere di RARA nascono dall’arte di alcuni dipendenti che hanno riutilizzato in modo creativo le rimanenze del magazzino e i pezzi di scarto di autobus fuori servizio e sono state esposte alla Casa della Creatività dal 15 ottobre al 9 novembre scorsi.

L’obiettivo dell’iniziativa è portarsi a casa un pezzo unico facendo anche del bene.

Fare la propria offerta è molto semplice: sarà sufficiente recarsi a Florence Noel, osservare con calma le varie opere, scegliere quella che più piace e compilare un semplice modulo nello spazio allestito da Ataf e dalla Fondazione Meyer con l’indicazione dell’offerta che si vuole donare a partire da una base indicata (le opere partono da 50 e 100 euro).

Poi, il 12 dicembre, ci sarà l’apertura delle buste con tutti i moduli di offerta compilati e l’asta sarà aperta ad eventuali nuovi rilanci. Se non ci saranno offerte maggiori, chi ha compilato il modulo si aggiudicherà l’opera, altrimenti si svolgerà una comune asta fra i partecipanti.

Inoltre chi si presenterà a Florence Noel con un biglietto da due corse RespiriAmo Meyer validato riceverà in omaggio uno speciale Bigliettone Ataf che permette di estendere a 4 ore la validità del biglietto singolo, fino all’esaurimento dei pezzi disponibili.

Per informazioni e pre offerte è possibile anche telefonare allo 055.5662316.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 6 Dicembre 2010. Filed under Cultura. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.