Informativa sull'uso dei cookie

A Castiglione della Pescaia (Gr) va in scena la solidarietà

Grosseto – Una raccolta di 18 racconti e ricette scritti da volti noti dello spettacolo e della letteratura, per aiutare a combattere la sordità minorile nei paesi più poveri del mondo.

Il gusto delle parole”, questo il titolo del libro, che sarà presentato dal giornalista Fabrizio Boschi domani sera alle ore 18.30 nell’ambito della rassegna “Castiglione d’autore” sul lungomare di via Roma, a Castiglione della Pescaia, in provincia di Grosseto.

Parte del ricavato della vendita del volume sarà destinato all’Associazione “La sordità non ha colore” per la costruzione dell’Istituto Florentia a Boma in Congo, in cui oltre 100 bambini sordi saranno curati, scolarizzati ed aiutati ad inserirsi nella società.

I bambini sordi, stranieri perfino nella loro famiglia, sono emarginati, poveri, senza parola, senza istruzione e senza prospettive – spiega il presidente dell’associazione, Giuseppe Gitti – A loro noi vogliamo dare la parola e la possibilità di procurarsi il cibo da soli con il loro lavoro”.

All’evento saranno presenti il consigliere comunale alle politiche sociali Edoardo Mazzini, l’editore Roberta Capanni ed alcuni degli autori tra cui Ugo Chiti, regista teatrale che ha scritto il racconto “Il borbottino di Cavorelle dell’albina”, Bruno Santini, attore che ha scritto “Sangue” e il cantautore fiorentino Paolo Vallesi che presenta il suo racconto “Petto di pollo e piselli”.

Qualcuno si è affidato a ricordi della propria vita come per esempio Paolo Vallesi che ha raccontato la prima cosa che ha cucinato da adolescente.

Oppure il livornese Emanuele Barresi autore, regista ed interprete alle prese con una parmigiana da condividere con la propria fidanzata e realizzata grazie agli opportuni suggerimenti telefonici della mamma.

Non mancano situazioni paradossali come il complicato incontro/scontro, descritto dalla “iena” Andrea Agresti, con un uovo di struzzo che non ne vuole sapere di rompersi.

Gli autori hanno donato i loro racconti rinunciando a qualsiasi tipo di compenso.

Condividi il post

Google1
Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 30 Luglio 2010. Filed under Cultura. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.