Archivi

Week-end di Pasqua in Toscana tra città d’arte e gite fuori porta

Firenze – E’ stata un week-end di Pasqua all’insegna del turismo nelle città d’arte quello appena trascorso in Toscana: anche se ci vorrà qualche tempo per avere i dati esatti su affluenze e pernottamenti, già ad occhio nudo è stato possibile notare le migliaia i turisti che in questi giorni hanno preso d’assalto le principali città come Firenze, Siena e Pisa.

Come da copione, a Firenze i turisti si sono concentrati nel centro storico, approfittando delle iniziative tradizionali di Pasqua, come lo Scoppio del Carro, o le celebrazioni del 25 aprile, che quest’anno ha coinciso proprio con la pasquetta; ma soprattutto sono state le aperture dei Musei statali e comunali ad attrarre visitatori con code in particolare agli Uffizi. Anche se i primi dati parlano di un contenuto calo nelle presenze per i Musei Statali (-2,3% secondo la Soprintendenza) sono stati 70.000 coloro che hanno scelto i Musei fiorentini per il finesettimana.

Tra le mete turistiche scelte da stranieri ma anche italiani, c’era il Giardino dell’Iris che proprio ieri, 25 aprile, ha riaperto i battenti per la nuova stagione 2011: complice il caldo e il tempo, che ha retto nonostante la presenza di nuvole, in molti sono saliti fino al Piazzale Michelangelo, per visitare il giardino creato nel 1954 per ospitare un Concorso Internazionale annuale per le migliori varietà di Iris, il “Premio Firenze”.

Da allora il Giardino dell’Iris ospita numerose varietà del fiore che ha con la città di Firenze un legame particolare: l’Iris rosso su sfondo bianco infatti compare sul Gonfalone di Firenze, anche se spesso viene confuso con il giglio.

Il Giardino si stende per circa due ettari: nonostante molti degli iris siano ancora in boccio, è già possibile ammirarne alcuni fioriti, disseminati tra gli ulivi. Numerosi coloro che muniti di macchina fotografica hanno immortalato specie spontanee e ibridi, che si snodano lungo il dedalo di vialetti in pietra, scendendo giù fino alla fontana-laghetto, che rappresenta un po’ il cuore del giardino. Aperto fino al 20 maggio, il giardino è visitabile ad ingresso gratuito.

Se i turisti hanno scelto le città d’arte, tanti invece i toscani che le hanno abbandonate per gite fuori porta o per trascorrere qualche giorno sulla costa.

Code e traffico rallentato, infine, dalla serata di ieri traffico su tutta la rete viaria della Toscana, in particolare su A1, A11 e Fi-Pi-Li, per i preannunciati rientri.

Guarda la photogallery delle Pasqua a Firenze:

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 26 Aprile 2011. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *