Archivi

Violenza sulle donne: in aumento le vittime che si rivolgono ai Centri Antiviolenza

Livorno – Un aumento delle donne che decidono di rivolgersi ai Centri Antiviolenza e delle denunce di abusi.

Questi i dati più significativi che emergono dal III Rapporto sulla Violenza di genere in Toscana, presentato a Livorno, al Museo di Storia del Mediterraneo.

Le donne che si sono rivolte alle 23 strutture sparse sul territorio nel periodo 1 luglio 2010-30 giugno 2011 sono state 1.882, 121 in più rispetto alla rilevazione precedente. Due su tre sono di nazionalità italiana.

Più della metà possiede almeno il diploma di scuola media superiore e le donne straniere sono sensibilmente più giovani.

Ma tra italiane e straniere ci sono anche altre significative differenze: metà delle prime ha un’occupazione stabile, per le seconde la percentuale scende al 37,7%. Quasi la metà delle italiane ha inoltre una professione impiegatizia, mentre più del 64% delle straniere svolge una mansione da operaia.

Più del 60% delle donne si è rivolta direttamente ai Centri in cerca d’informazioni, assistenza psicologica, ascolto, consulenza legale e, nei casi più gravi, sostegno per l’allontanamento del/dall’aggressore. Inoltre quasi due su tre, prima di andare al Centro, si sono rivolte anche agli altri servizi: il 33% alle forze dell’ordine, il 24% al servizio sociale, il 14% al pronto soccorso, solo il 2% al consultorio e il 19% ad altre strutture.

Sono stati denunciati complessivamente 3.562 casi di violenza di vario genere: 1.426 di violenza psicologica (81%), 1.106 fisica (63%), 486 economica (27,5%), 283 stalking (16%), 179 violenza sessuale (10%), 67 molestie sessuali (3,8%) e 15 mobbing (1%). Rispetto al precedente rapporto sono diminuite le donne che dichiarano di aver subito una violenza di tipo fisico (erano il 65%) mentre sono aumentate le violenze sessuali (7,8%) e lo stalking (11%).

Nella maggior parte dei casi, le donne hanno o hanno avuto una relazione intima: nel 62% dei casi si è trattato del partner, nel 21% dall’ex partner. Nel 10% dei casi l’aggressore è un parente più o meno prossimo, l’8% è rappresentato da un’altra figura (collega di lavoro, conoscente, datore di lavoro o sconosciuto).

Infine va sottolineato che una spinta forte alla denuncia dei soprusi è anche la presenza di figli che assistono alla violenza, elemento trattato nel rapporto per la prima volta. La percentuale di donne che sporge denuncia, in questo caso, sale al 31,8% (contro il 24,8% delle donne senza figli, o i cui figli non assistono alla violenza). Il dato della violenza assistita è particolarmente allarmante: sono 999 le donne che si sono rivolte ai Centri dichiarando che i propri figli hanno assistito alla violenza. Di questi, 1.429 sono minorenni.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 28 Novembre 2011. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.