Archivi

Turismo Firenze: 2011 record di presenze in Provincia

Firenze – Se il 2010 era stato l’anno della ripresa per il turismo a Firenze, il 2011 non solo conferma la tendenza positiva ma fa addirittura segnare un record: per la prima volta i pernottamenti in Provincia di Firenze hanno superato quota 12 milioni, segnando un +8,4%.

I dati, elaborati dal Centro Studi Turistici, sono stati presentati oggi in Palazzo Medici Riccardi e si riferiscono a tutto il 2011, con dati definitivi per il periodo gen-ott e con stime su base statistica per gli ultimi due mesi dell’anno. Una curiosità: le performance sono positive in tutti i mesi del 2011 meno che a novembre, mese disastroso che ha fatto registrare -31,7%.

Il quadro complessivo è più che positivo considerato anche il periodo di crisi: nel 2011 Firenze supera per la prima volta gli 8 milioni di presenze e registra un +7,1% ma, sempre per la prima volta, viene battuta dal dato complessivo della Provincia, +8,4% appunto con 12 milioni di presenze; il resto della provincia fiorentina segna un aumento di presenze di +10,8% pari a oltre 4 milioni di persone.

Cresce l’interesse dei turisti per l’hinterland fiorentino: l’area che ha ottenuto le migliori performance è stata il Valdarno (+15,3%), seguito dall’Area fiorentina (14,8%), dal Chianti (+13,3%); dal Mugello (+12,1%) dalla Montagna Fiorentina (+8,2%) e dall’Empolese Valdelsa (+4,2%). E’ un problema di prezzi troppo alti in città?

“E’ possibile che uno dei motivi siano i prezzi ma c’è da dire che la permanenza media a Firenze è ferma da anni, a circa 2,5 giorni, mentre in provincia siamo arrivati a 3,5 – ha commentato l’assessore provinciale al turismo, Giacomo Billi – Significa non solo che la qualità dell’offerta è migliorata sul territorio ma anche che i turisti hanno iniziato ad apprezzare altre zone, oltre a Firenze, su cui occorre investire”.

L’ottima performance della provincia fiorentina si spiega anche con i buoni risultati del settore extralberghiero: in generale quest’ultimo ha registrato un +10%, di cui +12,8% in provincia e +6,9% a Firenze contro il+7,6% dell’alberghiero, di cui +7,1% a Firenze e 9,1% nel resto della provincia.

A trainare il settore sono sempre gli stranieri con +9,3%: in particolare in forte crescita sono Brasile (+48%), Cina (+46%) e Russia (+43%); seguiti da Argentina (+35%), Australia (+17%), Olanda (+14%) Stati Uniti (+8%); in calo invece gli spagnoli -4%. Gli italiani registrano comunque un +6%, dato considerato positivo da Billi per la promozione fatta nel 2011 dalla Provincia proprio per questo target.

“Visti i dati e la situazione di crisi, fare meglio nel 2012 sarà pressochè impossibile ma è indubbio che è in corso una tendenza positiva per il nostro turismo – conclude Billi – E’ necessario però cambiare mentalità: in generale prevale l’idea che i turisti a Firenze verranno sempre e comunque ma non è così. Occorre investire in questo settore che può rappresentare il punto di ripartenza per l’economia della provincia.”

Aumentare il gioco di squadra tra pubblico e privato dunque per reperire maggiori investimenti ma anche riuscire a differenziare l’offerta adattandosi ai nuovi mercati: saranno queste le sfide del futuro per il turismo a Firenze.

Concorde su questo Francesco Bechi, presidente di Federalberghi Firenze, presente alla lettura dei dati. “Per il 2012 ci attendiamo un anno simile al 2011: le difficoltà incontrate da Italia e Europa faranno calare il turismo da questi paesi mentre puntiamo sulla riconferma dei flussi intercontinentali – ha commentato Bechi – In questi anni le strutture alberghiere di Firenze hanno fatto uno sforzo notevole per far fronte alla crisi: lo dimostra il fatto che, secondo i dati di Trivago, Firenze è molto meno cara di Milano, Venezia o Roma. Occorre comunque saper intercettare i nuovi flussi e adattare i servizi offerti”.

A questo proposito sempre più spazio sarà dato allo sviluppo dell’offerta online: “Molte strutture hanno già iniziato ad investirci – conclude Bechi – e di sicuro sarà questo il settore di investimento dei prossimi anni”.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 12 Gennaio 2012. Filed under Cronaca. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.