Archivi

Tournée giapponese del Maggio: Renzi difende il suo operato e quello della sovrintendente Colombo

Firenze – I 20 membri del Maggio Musicale Fiorentino presenti nel Salone de’ Dugento hanno ascoltato in silenzio tutto il discorso del sindaco di Firenze Matteo Renzi anche quando ha dichiarato che “Francesca Colombo ha diretto la macchina con una professionalità strepitosa”.

Si è svolta in un clima di forte tensione la seduta di ieri del Consiglio comunale di Firenze dedicata alla tournée giapponese del Maggio Musicale Fiorentino.

Tensione tra maggioranza e opposizione, ma anche appunto tra appartenenti al Maggio e il sindaco Matteo Renzi, che ha difeso a spada tratta il suo operato e quello della sovrintendente Colombo nei giorni dopo il terremoto, lo tsunami e il pericolo nucleare che ha toccato da vicino i componenti del Maggio in Giappone.

Secondo il primo cittadino “non esiste un pericolo sanitario, anche se giornali locali parlano con toni apocalittici e sparano a 9 colonne “contaminati”, non ci sono state da parte del Comune esposizioni a pericoli e nemmeno violenze fisiche o verbali per non tornare: questi sono i fatti”

“Ribadisco – ha aggiunto Renzi – sono orgoglioso e grato di aver lavorato in un contesto non facile. Sono anche convinto che da parte nostra abbiamo fatto tutto quello di cui c’era bisogno e ci siamo assunti la responsabilità di dire che la tournée era finita”.

“L’opposizione anzichè aiutarci parlava di Miss Italia: non vi permetto strumentalizzazioni”.

“Sulla vicenda – ha continuato – qualcuno tenta di sollevare tensione fra noi e il governo, ma non ci riuscirà”.

“Se ci sono persone che sputano nel piatto dove mangiano sono libere di farlo – ha concluso – ma non fermeranno il futuro del Maggio”.

“In alcuni punti il sindaco è stato davvero spudorato – è stato il commento di Siliano Ghisolfi, della Rsa Cgil – ha parlato di “macchina perfetta” ma ricordiamo che solo ora si ricordano i morti del Giappone, però c’erano anche quando chiedevamo di sospendere subito la tournée”.

E sul discorso rischi per la salute e le radiazioni i rappresentanti sindacali del Maggio dichiarano: “Non accettiamo che si dica che sono lievi, sono pur sempre radiazioni che porteremo noi, per sempre, nella nostra tiroide”.

Dal Pdl ha preso la parola Marco Stella: “Il sindaco è stato nervoso ma molto bravo, soprattutto a tenere l’equilibrio fra tutti, compreso il governo, ma aveva la responsabilità prima di tutto di proteggere la salute dei lavoratori del Maggio non capisco perchè non si ostina a fare chiarezza su quanto successo”. Sempre Stella ha infine proposto due ordini del giorno: uno affinchè siano eseguiti tutti i controlli medici ai membri dell’orchestra a Tokyo e l’altro per istituire una commissione di verifica sul caso con i lavoratori e i sindacalisti del Maggio.

Stessa posizione da parte dei consiglieri di Futuro e libertà, Bianca Maria Giocoli e Stefano Bertini.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 22 Marzo 2011. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.