Informativa sull'uso dei cookie

Archivi

Terme Toscane: calano le prestazioni per salute ma crescono quelle legate al benessere

Pisa – La crisi economica si fa sentire anche nel settore delle terme toscane: a dirlo sono i dati di una ricerca del Sitet, Sistema informativo delle terme toscane, presentati oggi in un convegno a San Giuliano Terme, nel pisano: nel 2009 il sistema ha registra un +0,5% negli arrivi, ma con prestazioni diminuite del 3,9%.

La ricerca è stata condotta su 21 stabilimenti termali presenti nella nostra regione ma solo in 14 hanno risposto alle domande. In generali gli arrivi sono aumentati dello 0,5% ma con la diminuzione di quelli legati a cure termali (–0,9%), mentre crescono quelli legati al benessere (+3,1%). Diverso l’andamento delle prestazioni: quelle tradizionali sono diminuite del 4% e quelle legate al benessere sono cresciute dell’1%, con un consuntivo complessivo del -3,9%. Una situazione che sembra riflettere l’andamento nazionale del settore.

Bene il turismo termale che ha rappresentato l’11,25% del totale degli arrivi toscani e il 9,3% delle presenze. Oltre il 90% degli arrivi utilizza gli alberghi e il 49% è dovuto a stranieri.

Calano invece gli addetti nel settore del 4% rispetto al 2008: i dipendenti a tempo indeterminato del sistema termale toscano nel 2009 sono stati 450, gli stagionali 461, i collaboratori 243, per un totale di 1.154 addetti.

La San Casciano spa per ricavi con i suoi 12 milioni di euro si colloca al quinto posto in Italia e al primo in Toscana, seguita in regione dalla Gratta Giusti spa che con più di 10 milioni di euro è ottava in Italia.

Crisi invece per le Grandi terme, Montecatini, Chianciano e Casciana, che nel 2009 hanno registrato un calo degli arrivi legati al servizio sanitario del 2,9% ed un calo totale del 2%. Le altre terme regionali hanno avuto una flessione più contenuta (-0,5%) nel sanitario e dello 0,3% in totale.

“Negli anni passati il sistema toscano non ha saputo cogliere in pieno l’opportunità rappresentata dalla richiesta di prestazioni legate al benessere e alla cura del corpo piuttosto che alla salute e adesso sta correndo ai ripari – ha commentato l’assessore al turismo Cristina Scaletti che ha ricordato la proposta di terme sensoriali a Chianciano e i lavori per la realizzazione della grande piscina termale alle Leopoldine di Montecatini.

Le previsioni indicano nel 2010 e nel 2011 una diminuzione media annua dello 0,5% del comparto termale tradizionale e un aumento di quello benessere fra il 2% ed i 3%.

“Nel 2020 un cittadino su tre avrà più di 60 anni e l’aspettativa di vita è ormai sopra gli 80 anni – ha concluso la Scaletti – E’ necessario quindi puntare sul wellness senza trascurare le capacità di cura.”

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 20 Ottobre 2010. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.