Archivi

Strage senegalesi: Firenze in lutto abbraccia la Comunità Senegalese

Firenze – Banchi chiusi in San Lorenzo, negozi con saracinesche abbassate in centro, tanti mazzi di fiori in piazza Dalmazia e alle 12 un minuto di silenzio: Firenze ha celebrato così il proprio lutto dopo la strage effettuata ieri da Gianluca Casseri che ha ucciso Mor Diop et Modou Samb, cittadini senegalesi e ferito altri tre loro connazionali, ancora ricoverati in prognosi riservata.

“Firenze è stata colpita al cuore da un episodio di razzismo e xenofobia ma non è una città razzista” ha commentato il sindaco Matteo Renzi che questa mattina si è recato a visitare Piazza Dalmazia e che alle 17 presiederà il Consiglio Comunale straordinario nel Salone dei Cinquecento, alla presenza del Ministro per la cooperazione Andrea Riccardi, e della comunità senegalese.

Alle 18 una fiaccolata partirà poi da piazza Dalmazia per chiuderà la giornata di lutto ricordando vittime e feriti

Proseguono le indagini di polizia a carabinieri per ricostruire la dinamica esatta della strage di ieri e capire se potessero esserci stati altri motivi oltre a quello della razza ad armare la mano di Gianluca Casseri.

L’uomo, che aveva sofferto di depressione, non aveva un regolare porto d’armi bensì, secondo quanto emerso, l’autorizzazione a detenere un’arma e sembra si recasse spesso ad un poligono di tiro in provincia di Pistoia. Nella sua abitazione gli inquirenti avrebbero trovato solo libri e fumetti. Casseri era solito frequentare regolarmente i mercati scelti poi per la strage.

Restano intanto stazionarie le condizioni dei tre feriti: Moustapha Dieng, Sougou Mor e Mbenghe Cheike sono ancora in prognosi riservata anche se non sarebbero in pericolo di vita. A fare loro visita si recherà questa sera lo stesso Ministro Riccardi.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 14 Dicembre 2011. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.