Archivi

Strage senegalesi: a Firenze la manifestazione nazionale contro il razzismo

Firenze – Una manifestazione importante, un corteo che attraverserà non solo il centro storico, ma buona parte della città.

E’ quello in programma per sabato 17 dicembre a Firenze organizzato per dire no al razzismo, ma soprattutto per ricordare Mor Diop e Samb Modou, i due cittadini senegalesi uccisi a colpi di pistola martedì scorso da Gianluca Casseri, il militante di estrema destra che si è poi tolto la vita all’arrivo della polizia nel parcheggio sotterraneo di San Lorenzo.

Il corteo partirà alle ore 15 da piazza Dalmazia, luogo della prima sparatoria, e passando da via Corridoni, via del Romito, Rampa Spadolini, via Caduti di Nassiriya, viale Strozzi, via Valfonda, piazza Stazione, via Santa Caterina da Siena, via della Scala, arriverà fino a piazza Santa Maria Novella.

Sono già moltissime le adesioni tra cui quelle di migliaia di concittadini senegalesi che arriveranno dalla Toscana, ma anche dal resto d’Italia. Pd, Idv, Sel, Fds di cui arriverà anche il segretario nazionale Paolo Ferrero, Verdi, Per Unaltracittà, i sindacati Cgil, Flc Cgil nazionale, molte Rsu, associazioni come Arci, Comunità dell’Isolotto, Pax Christi, Azione Gay e Lesbica, Legambiente Toscana, Libera Toscana e persino il Rotary Club Milano international.

Alla manifestazione ci saranno anche il sindaco Matteo Renzi, il presidente della Regione, Enrico Rossi e il gonfalone della Provincia di Firenze.

Anche il vicepresidente del Senato, Vannino Chiti, ha inviato la sua adesione, pur non potendo essere presente.

La manifestazione sarà silenziosa e pacifica, fanno sapere i rappresentanti della comunità senegalese, per il lutto e per la vicinanza ai tre feriti nella sparatoria Moustapha Dieng, Sougou Mor e Mbenghe Cheike.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 16 Dicembre 2011. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.