Archivi

18 anni fa la Strage dei Georgofili. Quattrocchi: “Presto nuovo responsabile delle stragi”

Firenze  – Prima il corteo silenzioso partito da Palazzo Vecchio, fra le 00.50 e  le 1.04 (l’ora dell’esplosione) con in testa i Gonfaloni di Regione Provincia e Comune, arrivato a via dei Georgofili e poi la deposizione di una corona di alloro.

Si è conclusa così, come ogni anno, ormai da 18, la giornata che ricorda la strage mafiosa avvenuta nel 1993 a Firenze con le sue cinque vittime.

Firenze non dimentica. Ieri, in occasione di un convegno organizzato per il 18esimo anniversario della strage il procuratore capo di Firenze, Giuseppe Quattrocchi, parlando agli studenti, ha ribadito che “il processo che ci impegna si esaurirà a breve e siamo convinti di aver individuato un nuovo responsabile delle stragi”.

Il processo, che vede imputato come “co-autore” il boss Francesco Tagliavia, ha ricordato il procuratore capo è alla fine; a giugno ci saranno le requisitorie dei pm: l’inchiesta “ha premiato la nostra caparbiertà – ha detto Quattrocchi – abbiamo resistito al silenzio e a chi diceva che tutto sommato sono passati 17 anni e che non era il caso di far spendere soldi allo Stato per capire se c’era chi avesse commissionato le stragi“.

Al convegno ha partecipato anche il presidente della Regione, Enrico Rossi che ha invitato a “continuare il ricordo in maniera attiva e consapevole perchè la memoria è la nostra arma migliore contro l’infamia e la criminalità mafiosa che nell’estate del 1993 cercò di piegare lo Stato con la violenza puntando a bloccare i cambiamenti in atto nella società italiana”.

Stamani ultima appendice alle celebrazioni commemorative:  alle 10.30 in Palazzo Vecchio, Salone de’ Dugento, iniziativa organizzata dall’assessorato all’educazione con gli alunni della scuola Nencioni, con lettura di poesie e visione dei lavori degli studenti sulla strage. Parteciperanno il procuratore Grasso e la presidente dell’associazione delle vittime Maggiani Chelli.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 27 Maggio 2011. Filed under Cronaca. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *