Archivi

Sicurezza sul lavoro: 24 i morti dall’inizio dell’anno in Toscana

Firenze – 24 morti sul lavoro in Toscana dall’inizio del 2010 e gli ultimi due episodi solo in questa settimana a Livorno.

Sono i numeri, sempre più allarmanti, che riguardano le cosiddette “morti bianche”. Perché sui luoghi di lavoro purtroppo si continua a morire, come se fosse un optional, spesso, la questione sicurezza.

Di questo hanno parlato i 300 Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS), delegati delle Rappresentanze Sindacali Unitarie (RSU), arrivati a Firenze da tutta la Toscana per partecipare all’assemblea regionale indetta unitariamente da Cgil, Cisl e Uil sui temi della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Daniela Cappelli, segretaria regionale Cgil, ha presentato la relazione introduttiva a nome delle tre confederazioni.

Nell’esprimere il cordoglio alle famiglie e agli amici delle ultime vittime Cappelli ha citato il PM di Livorno e il suo secco commento su quanto accaduto al camionista che operava nel porto, il “carico era insicuro e pericoloso, sono stati i vigili del fuoco arrivati dopo l’incidente a metterlo in sicurezza”.

62 gli incidenti mortali sul lavoro registrati nel corso del 2009 a fronte dei 78 dell’anno precedente.

Sono in diminuzione dunque, “anche se il dato – hanno spiegato i sindacati – qualora fosse letto in relazione alla crisi che ha abbattuto la produzione ed ha lasciato a casa, in cassa integrazione ordinaria e straordinaria più di 100mila persone, perde gran parte della sua positività”.

Troppe sono le vittime sul lavoro e del lavoro – ha detto Cappelli – troppi gli incidenti e le malattie professionali contratte, questo ci induce ad aumentare la nostra determinazione nel contrastare atteggiamenti di quanti, eludendo le leggi, contribuiscono a fare diventare i luoghi di lavoro ostili alla salute e alla sicurezza delle persone”.

Sotto la presidenza di Domenico Baddii, della Segreteria Cisl toscana l’assemblea ha registrato gli interventi dei delegati che hanno raccontato le loro storie di non sicurezza e le difficoltà di operare in azienda.

Dalla relazione è arrivata poi la richiesta al governo di non lasciare sulla carta il Testo Unico sulla sicurezza e alla Regione la disponibilità a sedersi intorno ad un tavolo perché i tagli alla sanità non finiscano per diventare tagli alla prevenzione e ai controlli.

“Il rischio c’è, anche perché in Toscana – ha aggiunto la segretaria regionale della Cgil – abbiamo già razionalizzato, si è già raschiato il fondo del barile”.

Alle aziende – ha concluso Cappelli – che a parole manifestato disponibilità, chiediamo di passare ai fatti. Spazio alla contrattazione sui temi della sicurezza, che poi significa discutere di organizzazione del lavoro, di carichi, di ritmi”.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 18 Giugno 2010. Filed under Cronaca. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

2 Responses to Sicurezza sul lavoro: 24 i morti dall’inizio dell’anno in Toscana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.