Informativa sull'uso dei cookie

Archivi

#siamoaterra: Fipe Confcommercio in piazza anche a Firenze

Si sono seduti a terra in piazza Duomo a Firenze: ristoratori, barman, chef, animatori dello svago e del tempo libero hanno protestato così contro la scure che si è abbattuta su di loro in seguito alle misure previste dall’ultimo Dpcm.

La manifestazione organizzata da Fipe-Confcommercio ha visto protagoniste altre 17 piazze italiane dove i ristoratori hanno messo simbolicamente a terra i loro “coperti”; una “mise en place” con tovaglie di 3 metri per 3 a terra e seduti intorno, gli chef dell’associazione italiana cuochi con tutte le professionalità legate al mondo della ristorazione e della somministrazione.

“Chiediamo di poter lavorare, altrimenti questo è un lockdown mascherato”, ha detto il direttore di Confcommercio Toscana, Franco Marinoni che ha aperto la manifestazione. “Gli ultimi provvedimenti presi da governo e da alcune Regioni per il contenimento della seconda ondata di Covid-19 stanno mettendo definitivamente in ginocchio i pubblici esercizi” ha denunciato Aldo Cursano presidente di Fipe-Confcommercio Toscana: “chiudere i luoghi della socialità, dello svago culturale, del divertimento, dello sport, del benessere – ha aggiunto – significa imporre agli italiani la rinuncia ad uno stile di vita sano e di qualità”.

Presenti alla manifestazione il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani e del sindaco di Firenze Dario Nardella, dai quali sono giunte parole di vicinanza e l’impegno concreto a rivedere la fascia oraria di chiusura dei locali, non appena la situazione epidemiologica lo consentirà.

Il settore della ristorazione occupa in Italia oltre un milione e duecentomila addetti distribuiti in 340mila imprese. 50mila quelle a rischio chiusura, con oltre 350.000 addetti che perderanno il posto di lavoro. In Toscana il comparto è rappresentato da circa 22mila imprese, delle quali almeno 3mila, secondo Fipe-Confcommercio, sarebbero a rischio sopravvivenza entro il 2020.

A Firenze sono arrivate delegazioni di imprenditore del settore da tutta la Toscana, da Prato da Massa, da Lucca, Grosseto, Livorno, Pisa.

Insieme ai ristoratori sempre oggi a Firenze hanno protestato anche i tassisti. Un carosello di auto che è partito dalla periferia di San Bartolo a Cintoia fino a Piazzale Michelangelo, passando per le vie del centro di fronte ai palazzi delle istituzioni, suonando il clacson ed esponendo al finestrino cartelli come “Tutto chiuso, il taxi muore”.

Condividi il post

Google1
Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 28 Ottobre 2020. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.