Archivi

“Se non ora quando”: migliaia di donne e uomini in piazza in Toscana

Firenze – Sono state migliaia, donne e uomini, le persone che ieri hanno sfilato anche in Toscana nell’ambito dell’iniziativa “Se non ora quando” organizzata in tutta Italia per chiedere dignità e rispetto per la condizione femminile.

Venticinque le città coinvolte nella nostra regione: solo a Firenze, secondo le organizzatrici, si sarebbero radunate oltre 30.000 persone, mentre per la Questura i partecipanti sarebbero stati solo 10.000. Il corteo, composto da donne di tutti i tipi, giovani, madri e anziane, ma anche da tanti uomini, ha attraversato il centro storico, partendo da piazza dei Giudici per arrivare fino a piazza della Repubblica, guidate da uno striscione con la scritta “Rieccoci”.

Nonostante la manifestazione non avesse colore politici, tanti gli appartenenti ai partiti scesi comunque in piazza, tra questi il presidente della Regione Enrico Rossi: “Sono qui perché è bene partecipare ad una manifestazione che non è di parte, per esprimere ripulsa di fronte al livello di degrado a cui siamo giunti” ha commentato Rossi.

Cortei e manifestazioni si sono svolti nel corso di tutto il pomeriggio anche a Livorno, sulla terrazza Mascagni, a Pontedera, a Siena, in piazza Salimbeni, a Prato, a Pistoia, a Grosseto, Lucca; e perfino all’isola d’Elba

Ad Arezzo circa quattromila persone hanno partecipato in piazza San Francesco, nonostante la pioggia battente. Sul palco si sono susseguiti interventi, musica e video. I manifestanti sono rimasti ad ascoltare e applaudire sotto gli ombrelli fino alla fine, fanno sapere dall’Arci.

A Pisa circa settemila persone hanno sfilato in corteo mentre ad Empoli, ultima manifestazione, della giornata sono state oltre 2000 le persone scese in piazza.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 14 Febbraio 2011. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.