Archivi

Scongiurata, per ora, la chiusura della Biblioteca Nazionale di Firenze

Firenze – Ci sono soldi per tenere aperta la Biblioteca Nazionale di Firenze fino a marzo. Per ora la chiusura è scongiurata.

La notizia la dà la stessa direttrice Antonia Ida Fontana da Londra dove si trova per lavoro. Il direttore generale per le Biblioteche, Maurizio Fallace, ha assicurato una cifra tra i 50 e i 100 mila euro che permetteranno appunto alla Biblioteca di assicurare i servizi per altri sei mesi.

Soldi che serviranno per pagare bollette di luce, pulizie e gli stipendi dei dipendenti della ditta che si occupa della distribuzione dei libri.

Intanto da ogni parte è arrivata solidarietà per quest’istituzione italiana. Un solidarietà che è diventata anche concreta come nel caso di Publiacqua che ha ridotto le le tariffe in cambio di una mostra sull’acqua 
o Quadrifoglio che abbasserà la tassa sui rifiuti e  la cooperativa di servizi Cooplat che – ha detto la direttrice –  farà le pulizie a minor costo.

La notizie della direttrice hanno preceduto le dichiarazioni di ieri del ministro dei Beni culturali Sandro Bondi che aveva proposto, per far fronte alla carenza di personale bibliotecario, di utilizzare i 56 dipendenti dell’Eti, ente soppresso nel luglio scorso e i fondi che la biblioteca ha in giacenza.

Per ora su queste proposte del ministro nessuna risposta da parte della direttrice ma solo l’annuncio dei fondi trovati dal direttore generale per le biblioteche che danno ossigeno per altri mesi di vita alla Biblioteca fiorentina.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 28 Settembre 2010. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.