Archivi

Processo omicidio Kercher: condannati Amanda Knox e Raffaele Sollecito

 

palazzo-giustizia-firenze

Firenze – Dodici ore di camera di consiglio al termine della quali la Corte d’Assise d’appello di Firenze ha ribaltato quando era stato deciso in appello: Amanda Knox e Raffaele Sollecito sono condannati rispettivamente a 28 anni e sei mesi e a 25 anni per l’omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher.

Per Raffaele Sollecito è stato disposto il ritiro del passaporto: non potrà lasciare il paese ma non tornerà in carcere. Così come non tornerà in carcere Amanda per la quale però non è stata presa nessuna misura cautelare.

Non era in aula alla lettura della sentenza, Raffaele Sollecito che ha seguito tutte le udienze a Firenze.

Sollecito ha appreso la notizia dalla televisione mentre Amanda Knox, a Seattle con la madre, è stata raggiunta al telefono dal suo avvocato. La ragazza ha dichiarato il legale è rimasta “impietrita” ma ha pianto e non ha parlato.

Sia i legali di Amanda che di Raffaele hanno dichiarato che faranno ricorso.

In aula c’erano invece i fratelli di Meredith, Stephanie e Lyle Kercher, sorella e fratello di Meredith, che hanno ascoltato la sentenza in silenzio. Sono rimasti impassibili e hanno stretto la mano ai loro legali. “Non è il momento di festeggiare” ha detto Lyle, fratello di Meredith.

Arrestati dalla polizia il 6 novembre del 2007, Sollecito e Knox erano stati condannati in primo grado a Perugia. Assolti in secondo grado, erano stati scarcerati dopo quattro anni in cella. Quindi a marzo la Cassazione ha annullato quella sentenza disponendo un nuovo dibattimento di secondo grado.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 31 Gennaio 2014. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.