Informativa sull'uso dei cookie

Archivi

Piano anti corruzione: via libera della Regione Toscana

corruzioneFirenze – Rotazione dei dirigenti, soprattutto di quelli a capo di settori strategici a rischio, e riduzione del numero degli affidamenti diretti attuati dalle strutture della Giunta: sono alcuni dei provvedimenti presenti nel nuovo “Piano triennale 2014/16 per la prevenzione della corruzione” approvato dalla Regione Toscana.

Il piano è stato approvato insieme ad altri due provvedimenti: il “Programma triennale sulla trasparenza” e il “Codice di comportamento dei dipendenti“.

Obiettivo dei tre provvedimenti è quello di stroncare qualsiasi possibilità di corruzione e comportamenti illeciti nella pubblica amministrazione regionale.

Secondo quando reso noto, la legge nazionale anticorruzione individua in tre gli ambiti a maggior rischio in ogni amministrazione pubblica: quelli dove si spende denaro, quelli dove si recluta e si gestisce personale, e quelli dove si possono ampliare o restringere sfere soggettive di terze persone.

Palazzo Sacrati Strozzi- sala pegaso- foto tratta dal sito ufficiale regionePer ciascuno di questi ambiti, il piano anti corruzione approvato elenca misure di prevenzione rispetto d azioni a rischio: dall’affidamento lavori agli appalti e alle gare, dalle autorizzazioni e concessioni ai contributi e ai sussidi, dal reclutamento dei dipendenti alle loro progressioni di carriera, fino al conferimento di incarichi e alle nomine in enti derivati.

“La vera novità di questo pacchetto – ha spiegato Stella Targetti, vicepresidente della giunta toscana – sta nella prevenzione della corruzione e in un piano triennale che ha consentito di fare un grande lavoro di analisi sul nostro modello organizzativo”.

In Regione Toscana sono 8 le direzioni generali (7 più l’Avvocatura) articolate in 14 aree di coordinamento, con 93 strutture dirigenziali e 451 posizioni organizzative, per un complesso di dipendenti pari a 2.271 persone.

stella targettiCon il piano anti corruzione, la Regione Toscana ha cercato di individuare misure specifiche per la gestione di un eventuale rischio corruzione: oltre alla rotazione dei dirigenti di punta, verrà ridotto il numero degli affidamenti diretti attuati dalle strutture della Giunta, oltre a fornire una più efficace regolamentazione per l’esercizio delle discrezionalità nei procedimenti amministrativi; fra le misure indicate anche quelle su incompatibilità specifiche per i dirigenti, attività formative per i dipendenti, azioni di sensibilizzazione per i cittadini.

Insieme al Piano anti corruzione, gli altri due provvedimenti approvati completano il quadro delle norme in merito: si tratta del pacchetto trasparenza, che indica gli obblighi di pubblicità e diffusione delle informazioni ai cittadini, e del Codice Etico per il comportamento dei dipendenti.

Quest’ultimo, in particolare, è valido per tutti i dipendenti, collaboratori, consulenti, assistenti di presidente e assessori, collaboratori di imprese fornitrici di beni e servizi: al suo interno vengono affrontati temi quali regali e compensi e vengono indicati comportamenti da tenersi circa la partecipazione ad associazioni e organizzazioni, conflitti di interesse, obblighi d’astensione, trasparenza e tracciabilità.

Condividi il post

Google1
Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 20 Gennaio 2014. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.