Archivi

“Operazione sicurezza”: controlli intensificati a Firenze. Ladri in casa Kroldrup

Firenze – Controlli intensificati sul territorio: è una vera e propria “operazione sicurezza” quella condotta dalla polizia a Firenze e dintorni negli ultimi giorni. Dopo le due rapine della scorsa settimana, durante le quali sono morti il pasticcere Massimiliano Da Lio e l’imprenditrice Susanna Tre Re, i controlli condotti dalla polizia, per prevenire episodi di criminalità, sono aumentati.

Ieri pomeriggio, il questore di Firenze Francesco Tagliente ha tenuto un nuovo briefing con i suoi uomini presso la sede del Reparto Mobile a Poggio Imperiale, al quale è seguita una nuova operazione di controllo che ha interessato Firenze, Empoli e Sesto Fiorentino: oltre 1000 le persone controllate, di cui 7 arrestate e 18 denunciate. I controlli hanno interessato soprattutto parchi urbani, alcuni esercizi commerciali, sale giochi e punti scommesse, internet point e circoli privati.

Le manette sono scattate per sette stranieri di nazionalità marocchina, albanese, kossovara, tunisina, bulgara e algerina inottemperanti all’ordine di espulsione. Undici stranieri, invece, sono stati denunciati perché irregolari. Controllati anche 358 veicoli con due persone denunciate per guida in stato di ebbrezza: si tratta di un ventenne di Prato e di un ventisettenne di Caserta, ai quali è stata ritirata la patente.

Intanto è di oggi la notizia di un nuovo furto eccellente sulle colline di Firenze: questa volta è toccato alla villa del giocatore della Fiorentina, Per Kroldrup, alla Badia Fiesolana, che lunedì notte è stata svaligiata. Ad accorgersi del furto lo stesso Koldrup rientrato da una cena fuoricasa con la compagna. Secondo la polizia la dinamica ricorderebbe quella del furto del 1° maggio in via Ximenes, al Poggio Imperiale.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 5 Maggio 2010. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.