Archivi

Neve e ghiaccio in Toscana: si torna alla normalità ma restano le polemiche

Firenze – E’ tornata la normalità in Toscana dopo la bufera di neve che ha colpito la regione venerdì scorso e il ghiaccio che si è formato nel week-end: a dare una mano anche l’aumento delle temperature.

Ieri a causa del ghiaccio sono stati tre gli incidenti mortali con quattro vittime: il primo a Fornaci di Barga, dove è morto un ragazzo di 20 anni; il secondo sulla vecchia Aurelia a Castagneto Carducci, vittime due senegalesi di 38 e 29 anni; il terzo a Camaiore dove una donna di 47 anni che aveva appena chiesto un passaggio in auto è morta nello scontro con un Suv.

A Firenze oggi scuole chiuse per precauzione: ieri infatti la circolazione era resa ancora problematica da ghiaccio e neve, tanto che gli stessi mezzi di Ataf hanno potuto circolare solo a ranghi ridotti. Problemi anche per rimuovere alberi caduti e rami. Il servizio di trasporto pubblico dovrebbe tornare alla normalità entro oggi: Ataf fa sapere che restano problematici soprattutto i collegamenti con le colline di Scandicci. Di nuovo in vigore la Ztl per il centro storico.

Scuole chiuse anche in molti comuni limitrofi, come Empoli, Bagno a Ripoli e Incisa e in comuni minori delle province di Arezzo, Pistoia e Livorno. Chiuse anche a Pisa e Prato. Scuole aperte invece ad Arezzo, Pistoia, Lucca, Siena, Massa Carrara, Livorno e Grosseto dove la situazione era già tornata alla normalità nella giornata di ieri.

Regolare la circolazione su A1, A11, Fi-Pi-Li e Firenze-Siena, anche se permane l’obbligo di catene a bordo o di gomme da neve. L’invito è a mantenere prudenza nella guida.

Conclusa l’emergenza restano comunque le polemiche per il black out dei trasporti di venerdì scorso: il presidente della Regione Enrico Rossi, che aveva chiesto sabato un’inchiesta parlamentare per accertare le cause e annunciato una class action, ieri ha plaudito all’iniziativa di Autostrade di estendere la conciliazione anche ai fenomeni nevosi, per risarcire i cittadini rimasti bloccati sull’A1.

“E’ una buona notizia alla quale credo abbiamo contribuito anche noi: ora ci attendiamo lo stesso comportamento da Fs”ha commentato Rossi, che ha annunciato anche controlli sulle società che gestiscono il trasporto pubblico e sulla Global Service per la Fi-Pi-Li

Intanto per oggi il Ministro delle infrastrutture Altero Matteoli ha convocato a Roma i vertici di Ferrovie, Anas e Protezione civile per capire cosa sia successo e in che modo sia stata affrontata l’emergenza.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 20 Dicembre 2010. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.