Archivi

Microcredito: 1000 nuove aziende in quattro anni in Toscana

Firenze – C’è chi ha brevettato un sapone ecologioco biodegradabile per pulire le barche e chi invece ha inventato una barca a vela per disabili: sono alcune delle iniziative rese possibili grazie al sistema del microcredito, promosso dalla Regione Toscana.

Si tratta di microprestiti, al massimo di 15.000 euro, concessi a nuove aziende e a quelle con meno di 36 mesi di vita, che non hanno garanzie sufficienti per accedere ai prestiti convenzionali. Il prestito serve per sostenere la fase di start-up, grazie anche ad un servizio di tutoraggio e assistenza. Il progetto denominato Smoat (Sistema microcredito orientato assistito toscano) è stato lanciato da Regione e Fidi Toscana nel 2007 ed ha visto crescere le erogazioni: nel 2007, anno di avvio dell’iniziativa, sono stati erogati 103 prestiti, diventati 477 nel 2008 e 304 nel 2009; nei primi mesi del 2010 sono stati già 76, per un importo complessivo pari a quasi 12 milioni di euro.

Ad oggi quindi sono 960 le aziende che hanno beneficiato dei prestiti: 452 sono imprese straniere mentre i prestiti ad imprese femminili sono stati 265 e quelli ad imprese giovanili 428. I settori di sviluppo delle nuove aziende sono fra i più disparati: dal design ai social network alle nuove invenzioni.

“Queste cifre attestano il successo dell’iniziativa – ha commentato l’assessore regionale alle attività produttive, lavoro e formazione, Gianfranco Simoncini – Non solo si sono creati nuovi posti di lavoro, ma anche posti di lavoro di qualità, con un importante valore aggiunto costituito dalla forte presenza di stranieri, donne e giovani”.

Significativo anche il successo fra gli imprenditori over 50, che in alcuni casi hanno ripreso in mano antichi mestieri e attività tradizionali, come il sarto o il ciabattino, magari rivisitandoli in chiave moderna.

La Regione è convinta che il microcredito rappresenti uno strumento efficace anche in chiave anticrisi: lo dimostrerebbe la vitalità delle imprese, il cui tasso di sopravvivenza è del 99%. Altrettanto elevato il tasso di solvibilità: il 93% delle somme erogate è stato infatti restituito.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 11 Giugno 2010. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.