Informativa sull'uso dei cookie

Archivi

Meningite: in Toscana vaccinazioni raccomandate tra gli 11 e i 20 anni

vaccini da sito toscana notizieFirenze – Dopo il quarto decesso avvenuto in Toscana dall’inizio dell’anno per meningite, a Firenze si è riunita una task force tra l’assessorato regionale alla Salute e gli esperti dell’Istituto Superiore di Sanità.

Dall’incontro è emersa la decisione di offrire e raccomandare la vaccinazione contro il meningococco di tipo C a tutti i ragazzi tra 11 e 20 anni.

La vaccinazione sarà offerta gratuitamente anche nella fascia di età 19-45, a tutte le persone che sono entrate in contatto con i casi di meningite C.

Il richiamo gratuito per i ragazzi tra 11 e 18 anni era già stato introdotto dalla Toscana a fine marzo. Ora questo richiamo (o la prima dose, nel caso questa non fosse stata fatta nel secondo anno di vita) viene vivamente raccomandato per tutti i ragazzi tra gli 11 e i 20 anni. E’ la strategia più efficace per proteggere la popolazione, contenere la diffusione e limitare il più possibile la circolazione del batterio, sottolineano dall’assessorato.

Per quanto riguarda i cittadini tra 19 e 45 anni, la Regione prevede di vaccinare gratuitamente per il meningococco C coloro che sono entrati in contatto e hanno frequentato gli stessi ambienti di vita delle persone che si sono ammalate di meningite C.

Quello in circolazione, hanno concordato gli esperti, è un ceppo particolarmente aggressivo, che dà manifestazioni cliniche severe. Dall’assessorato fanno sapere di essere comunque in grado di monitorare costantemente e attentamente la situazione e, se necessario, modificare via via le strategie, adattandole alle necessità.

Dall’inizio del 2015, i casi di meningite C che si sono verificati in Toscana sono stati 16 (4 dei quali mortali: 3 a Empoli e 1 a Montevarchi). 2 i casi di meningite B , 1 di W e 1 non tipizzato.

Andando verso la stagione estiva, ci si aspetta comunque una riduzione dei casi.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 21 Aprile 2015. Filed under Cronaca,In primo piano,Salute. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.