Archivi

Lucchini: 90% l’adesione allo sciopero indetto da Fim, Fiom e Uilm. Rossi scrive a Berlusconi

Livorno – Non credono alle rassicurazioni dell’azienda i lavoratori della Lucchini di Piombino che stamani hanno aderito in massa allo sciopero di tre ore indetto da Fim, Fiom e Uilm.

Il 90% dei dipendenti ha scioperato tra questi la totalità di coloro che lavorano sulle linee di produzione. Alla manifestazione organizzata davanti la direzione hanno partecipato oltre 500 lavoratori e rappresentanti delle istituzioni tra cui il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, e dei partiti.

Il segretario della Fiom Luciano Gabrielli a nome di tutti i sindacati ha ribadito la drammaticità della situazione. La Lucchini vuol dire lavoro per 4 mila persone più quelle occupate nelle decine di aziende dell’indotto.

Il Gruppo Lucchini è in mano adesso al magnate russo Mordashov e si tratta di capire cosa vuole farne dell’acciaieria livornese :se venderla o procedere alla ricapitalizzazione. Oggi pomeriggio l’amministratore delegato dell’azienda, ha annunciato che Mordashov sarà a Piombino il 2 e 3 agosto per incontrare lavoratori e istituzioni.

Il presidente della Regione Toscana è intervenuto all’assemblea dei lavoratori e proprio oggi ha inviato una lettera al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi che nei prossimi giorni incontrerà il presidente russo Medvedev, in visita in Italia. ?”Sarebbe necessario – scrive Rossi – che il governo russo intervenisse nei confronti del dottor Mordachov per chiedergli garanzie sul futuro dello stabilimento di Piombino. E’ indispensabile che si rispettino gli impegni presi e che si risolva la situazione finanziaria dell’azienda, in modo da consentire la prosecuzione dell’attività e la realizzazione degli investimenti necessari per lo sviluppo del polo siderurgico”.

Rossi oggi a Piombino è intervento anche sul destino delle aziende che lavorano nell’indotto, sulle quali ha annunciato l’utilizzo degli strumenti di sostegno finanziario per la liquidità, “abbiamo la Fidi – ha detto riferendosi a Fidi Toscana -, la useremo perché queste imprese e i lavoratori siano sostenuti quanto prima”.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 22 Luglio 2010. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *