Archivi

Inquinamento luminoso: se ne parla al Museo di Storia Naturale di Livorno

Livorno – Studiosi ed esperti illustreranno a Livorno le cause dell’inquinamento luminoso, i danni che provoca sia in ambito economico sia per la sicurezza e la salute dell’uomo, ed indicheranno le possibili ed auspicabili soluzioni tecnico-legislative per limitare il problema.

Sarà il tema del convegno organizzato dal Museo di Storia Naturale di Villa Henderson che si svolgerà domani, sabato 26 marzo, con inizio alle 9.

L’obiettivo è quello di aiutare il cittadino a riflettere su come lottare contro questo fenomeno, attuando azioni volte ad illuminare meglio e più consapevolmente, risparmiando energia e, di conseguenza, risorse economiche.

Il convegno viene organizzato il 26 marzo giorno in cui in tutto il mondo viene celebrato l’Earth Hour.

Città, Enti locali, Aziende, Associazioni e singoli cittadini aderenti all’iniziativa spengeranno le luci per un ora, dalle 20.30 alle 21.30, per dare un segnale “visibile” alla sostenibilità del nostro pianeta.

Durante il Convegno verranno inoltre presentati i risultati del lavoro svolto dai ragazzi del Liceo Scientifico “F. Enriques” nell’ambito della campagna di ricerca sull’inquinamento luminoso presso l’Isola di Capraia, e saranno illustrati i progetti futuri da realizzare i collaborazione con le scuole.

Il convegno è frutto della progettazione congiunta tra l’Istituto museale e le Associazioni Culturali operanti sul territorio (Associazione Livornese Scienze Astronomiche, Società Astronomica Italiana, WWF, Associazioni Livornesi Scienza e Tecnologia) con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmi di Livorno.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 25 Marzo 2011. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.