Archivi

Incendi boschivi: fino al 31 agosto il periodo ad alto rischio

Firenze – Anche in Toscana con il mese di luglio è scattato il periodo ad alto rischio incendi boschivi.

Fino al 31 agosto sono perciò vietati l’accensione di fuochi e l’abbruciamento di residui vegetali ed eventuali operazioni che possano creare pericolo d’incendio nei boschi e in una fascia di 200 metri dal bosco, dagli arbusteti e dagli impianti di arboricoltura da legno.

L’unica eccezione riguarda l’abbruciamento di materiali provenienti da potatura e ripulitura nei castagneti da frutto, a condizione che sia effettuato dall’alba e fino alle 9 del mattino, in spazi vuoti e ripuliti dalla vegetazione e concentrando il materiale in piccoli cumuli.

Nella fascia oltre i 200 metri dal bosco, gli abbruciamenti e le accensioni sono consentite dall’alba e fino alle 10 del mattino, ma anche in questi casi è comunque necessario adottare cautele per evitare il propagarsi del fuoco: tenere l’abbruciamento sotto controllo costante e abbandonare la zona solo dopo essersi accertati che i residui siano completamente spenti e non rischino di attivarsi nuovamente a causa del vento. E’ comunque fatto divieto assoluto di accensione fuochi in presenza di vento intenso.

In ogni caso prima di effettuare operazioni di abbruciamento è opportuno darne comunicazione ai competenti Comandi Stazione del Corpo Forestale dello Stato. La mancata osservanza dei divieti comporta sanzioni amministrative che vanno da un minimo di 120,00 a un massimo di 2.066,00 euro.

Nel periodo a rischio le Province hanno facoltà di proibire l’accensione di fuochi su tutto il territorio provinciale, anche oltre la fascia di 200 metri, come nel caso della Provincia di Lucca che ha vietato qualsiasi abbruciamento di residui vegetali su tutto il territorio provinciale, anche nelle zone poste al di fuori dei boschi e nei castagneti da frutto, fino al 30 settembre incluso.

In caso di avvistamento di incendi boschivi, tutti i cittadini sono invitati a contattare la Sala Operativa Unificata Permanente (SOUP) della Regione Toscana che risponde al numero verde – 800 425 425 – ed è attiva h 24 tutto l’anno.

Il numero è integrato con i numeri del Corpo forestale dello Stato 1515 e dei Vigili del fuoco 115. In questo periodo ad alto rischio, per migliorare l’efficacia degli interventi, sono attivi anche nove Centri Operativi Provinciali (COP) con orario 8-20.

Per tutta l’estate, la Toscana potrà contare su una forza complessiva di intervento composta da 1.300 mezzi terrestri e 3600 uomini operativi addestrati.

Nel solo mese di giugno 2012 si sono registrati 29 incendi di bosco nei quali sono andati in fumo, in tutto, circa 6 ettari di superficie boscata.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 3 Luglio 2012. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *