Archivi

In Toscana aumentano i turisti “mordi e fuggi”

Firenze – Il turismo nonostante la crisi si difende bene soprattutto in termini di presenze, meno per quanto riguarda la spesa complessiva. I turisti aumentano di numero ma diminuiscono i giorni della loro permanenza in Toscana.

Seconda una ricerca presentata da Confesercenti è prevista una crescita del 30% ma il 25 % dei turisti che arriverà in Toscana, sia italiani che stranieri, ridurrà il periodo delle vacanze; tanto che se le previsioni verranno confermate quella del 2010 sarà battezzata “l’estate delle vacanze lampo”.

Il picco dei vacanzieri è atteso per la parta centrale del mese di agosto ed è destinata a scendere a settembre. D’altra parte non è solo il costo del soggiorno a pesare nei bilanci familiari: la benzina è aumentata così i pedaggi autostradali e le tariffe dei treni.

Per questo si cerca di risparmiare scegliendo sistemazioni in appartamenti, magari da dividere con altre famiglie, servizi low cost penalizzando – dicono da Confersercenti – le strutture alberghiere. I tour operator riescono ancora a vendere bene la Toscana nel suo complesso sia le città d’arte che le zone balneari.

L’ostacolo principale precisano non è rappresentato dal prezzo dei pacchetto offerto ma dalla mancanza di infrastrutture adeguate: trasporti pubblici inefficienti, la rete autostradale limitata, la scarsità dei collegamenti aerei e non ultima la mancanza di un’efficace informazione preventiva su eventi, mostre aperture di musei e collezioni.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 22 Luglio 2010. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *