Archivi

Immigrazione: primi test di lingua italiana per stranieri a Firenze

Firenze – Saranno 170 a Firenze i primi stranieri che sosterranno le prove di conoscenza di lingua italiana, nuovo requisito necessario per poter richiedere il permesso di soggiorno di lungo periodo nel nostro Paese, secondo quanto stabilito dal Ministero dell’Interno. Lo rende noto la Prefettura di Firenze che spiega come l’esame sia riservato a cittadini non comunitari, in Italia da almeno cinque anni con un regolare permesso, e ai loro familiari.

I primi test si svolgeranno il 17, 19, 25, 27, 28 e 31 gennaio presso la scuola media “Arnolfo di Cambio-Beato Angelico” di Firenze e il 18 gennaio alla scuola “Giovanni della Casa” di Borgo San Lorenzo.

L’esame sarà composta da prove di ascolto, di lettura e di scrittura: nella prova di ascolto, verra fatta sentire una registrazione, sulla quale il candidato dovrà poi rispondere ad alcune domande; stesso sistema per la prova di lettura di un brano, mentre nell’ultimo esame l’esaminando dovrà scrivere un breve testo, nel quale raccontare dove si trova e cosa sta facendo, oppure rispondere ad un’email o compilare un modulo.

Se il risultato complessivo dell’esame sarà positivo all’80%, la prova potrà dirsi superata; in caso contrario sarà possibile fare subito domanda per sostenere un nuovo esame.

L’obiettivo, spiega la Prefettura, è attestare una conoscenza base della lingua tale da permettere allo straniero di destreggiarsi nell’ambiente che lo circonda e nel mondo scolastico e lavorativo, comprendendone espressioni e parole di uso frequente.

Il risultato del test, che sarà consultabile online all’indirizzo http://testitaliano.interno.it, sarà inserito nel sistema informatico dalla Prefettura.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 11 Gennaio 2011. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.