Archivi

Guida sicura: parte da Firenze una campagna di sensibilizzazione

Firenze – Sono purtroppo ancora troppi i giovanissimi che restano vittime di incidenti stradali a causa dell’assunzione di alcool e droghe prima di mettersi alla guida di un’auto.

Per cercare di contrastare questo fenomeno l’assessorato alle Politiche Sociali della Provincia di Firenze ha ideato la campagna di comunicazione e sensibilizzazione “Tutta la vita davanti”.

Rivolta in particolare ai neopatentati, la campagna prevede il passaggio di uno spot radiofonico su alcune emittenti regionali, l’affissione di manifesti informativi nelle scuole superiori e nei locali di aggregazione del territorio (dalle associazioni alle discoteche). Prodotti anche 10mila braccialetti in silicone con il motto “Tutta la vita davanti”, un messaggio chiaro che vuole ricordare ai più giovani di mettersi al volante con il massimo dell’attenzione.

Secondo la ricerca “Incidenti stradali, alcool e giovani”, commissionata dall’assessorato alla Asl fiorentina l’identikit di chi è vittima di un incidente stradale è maschio, di età compresa tra i 18 e 30 anni, beve o si droga prevalentemente nel fine settimana.

Sempre secondo lo studio, quasi un incidente stradale su 10 coinvolge persone sotto l’effetto di alcolici o stupefacenti. La ricerca ha coinvolto 1.250 persone rimaste ferite a causa di un incidente stradale e ricoverate negli ospedali dell’area metropolitana fiorentina, nel periodo compreso tra il 2003 e il 2007.

Il 9,5% dei soggetti esaminati è risultato positivo ad alcol e/o droghe, mentre il 7,9% è risultato positivo solo all’alcool.

Inoltre la quasi totalità degli incidenti si verifica sulle strade cittadine (oltre l’80%). Meno frequenti invece gli scontri nelle strade provinciali (9,8%) e sulle autostrade (5,7).

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 26 Maggio 2011. Filed under Cronaca. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.