Archivi

Guardia di Finanza di Arezzo: presentato il bilancio delle attività 2010

Arezzo – 859 interventi di polizia tributaria, con la scoperta di redditi imponibili per oltre 339 milioni di euro, a cui si aggiungono gli oltre 32 milioni di euro in materia di I.V.A..

Questi i dati più significativi dell’attività condotta nel 2010 dalla Guardia di Finanza di Arezzo.

Le verifiche hanno riguardato per il 55% contribuenti del settore dei servizi (commercio, servizi alle imprese ed alle persone, attività professionali, ecc.), per il 43% l’industria (costruzioni, tessile ed abbigliamento, manifatturiera, ecc.) e il 2% l’agricoltura.

Sono stati accertati circa 70 reati tributari, la maggioranza dei quali riferibili alle ipotesi di dichiarazione fraudolenta, omessa dichiarazione e di emissione di fatture od altri documenti per operazioni inesistenti.

Anche Arezzo è inoltre interessata dalla cosiddetta “Lista Falciani”, ossia  persone fisiche che hanno acceso conti correnti presso la banca HSBC di Ginevra: 4 gli interventi svolti con un recupero a tassazione per oltre 1,5 milioni di euro.

Sul fronte del sommerso d’azienda, sono stati scoperti 87 tra evasori totali e paratotali, prevalentemente operanti nei settori dell’edilizia, tessile-abbigliamento, della lavorazione e commercio di articoli di gioielleria.

20 le attività sospese per aver impiegato personale al nero in misura superiore al 20% di quello regolarmente assunto e, in un caso, si è proceduto al sequestro di un’azienda per gravi inadempienze alla normativa sulla sicurezza dei luoghi di lavoro.

Ed è proprio nel corso di un normale controllo in materia di sommerso da lavoro presso un opificio del Valdarno, riconducibile ad un cittadino indiano, che i finanzieri hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, per estorsione, il titolare dell’azienda, il quale per la consegna della busta paga pretendeva dai propri connazionali “tangenti” fino a 15mila euro.

Sul fronte stupefacenti, i finanzieri hanno sequestrato circa 6,5 kg. di droga e circa 13mila euro in contanti, denunciando 25 persone.

Decine i controlli nel settore della spesa pubblica nazionale e comunitaria, finalizzati a contrastare le frodi e le distrazioni illecite di denaro pubblico e in materia di reati finanziari sono 24 le persone denunciate per riciclaggio, reati societari e fallimentari, usura ed esercizio abusivo del credito e finanziario.

Per quanto riguarda la lotta alla contraffazione, sono stati sequestrati circa 92.500 articoli e denunciate 81 persone.

Infine l’attività svolta a tutela dell’ambiente: gli interventi portato alla denuncia di 7 persone e al sequestro di aree per complessivi 11mila metri quadrati, utilizzate come discariche abusive, con oltre 15mila quintali di  tonnellate di rifiuti speciali e pericolosi.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 18 Febbraio 2011. Filed under Cronaca. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.