Archivi

Frode fiscale e bancarotta fraudolenta: GdF arresta imprenditore in Valdisieve

Firenze – Frode fiscale e bancarotta fraudolenta: sono le ipotesi d’accusa della Guardia di Finanza di Pontassieve, in provincia di Firenze,, nei confronti di un imprenditore di 57 anni, residente in Valdisieve, operante nel settore del commercio di telefonia ed elettrodomestici.

Secondo quanto emerso durante le indagini, denominate “Operazione Camaleonte“, l’uomo, con la complicità di altre 9 persone, tra cui un noto avvocato fiorentino, avrebbe messo in piedi un vorticoso giro di società per evadere le tasse e truffare altri imprenditori.

Grazie ad una catena continua di 7 fallimenti, dal 2005 al 2010, l’imprenditore non avrebbe dichiarato ricavi per oltre 45 milioni di euro, e non versato IVA per € 8,3 milioni, oltre ad IRAP per € 450.000 e ritenute IRPEF per € 618.000.

Il 57enne gestiva una serie di società tutte intestate a “prestanome”, reclutati tra i propri dipendenti, che si occupavano della vendita di elettrodomestici e prodotti elettronici, con sedi in varie città del centro Italia, in Toscana, Lazio e Marche.

Secondo le Fiamme Gialle però queste società non avrebbero mai presentato dichiarazione fiscale né avrebbero pagato i versamenti di imposte o le ritenute fiscali per le retribuzioni dei dipendenti.

Le società acquistavano inoltre le merci senza pagarle e, dopo aver operato per un breve periodo, chiudevano dichiarando fallimento con un enorme passivo, in danno dei fornitori e dell’Erario, per riaprire poi in altra sede e con nome diverso.

Sarebbero circa una dozzina le aziende truffate che, dal 200, avevano fornito alle imprese merce per un ammontare di oltre 30 milioni di euro.

A destare sospetto anche il tenore di vita dell’imprenditore, residente nel Comune di Rufina: l’uomo infatti aveva una villa fornita anche di una piscina coperta riscaldata, ed era solito utilizzare autovetture di grossa cilindrata , come l’ultimo acquisto del 2011, una Mercedes CL 63 AMG del valore di oltre 150.000 euro.

Il 57enne si trova adesso nel carcere di Sollicciano, a Firenze.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 9 Maggio 2012. Filed under Cronaca. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *