Archivi

Frane a Massa: 80 gli sfollati e nuovi movimenti franosi

Massa Carrara – E’ salito a 80 il numero degli sfollati in provincia di Massa a causa delle frane mentre, ieri, si sono registrati nuovi movimenti franosi in almeno 30 località. Numeri destinati a salire, secondo il sindaco di Massa, Roberto Pucci che ha segnalato anche a Lavacchio, altre abitazioni a rischio.

In località Malacosta, nel comune di Aulla, per un’altra frana sono state evacuate tre famiglie.

In tutto sono stati 35 gli interventi effettuati sulle frane e oltre un centinaio quelli messi in atto dai volontari apuani e da quelli provenienti dalle altre cinque province della Toscana del nord che hanno inviato aiuti: Lucca, Pistoia, Prato, Firenze e Pisa oltre che dalla Protezione civile regionale.

Continuano ad essere tenute sotto controllo oltre ai Comuni di Lavacchio e Mirteto, dove le frane hanno ucciso tre persone, altri comuni nella provincia di Massa.

Situazione difficile anche lungo la costa per gli allagamenti: nella zona di Marina di Massa, sono in azione ancora le idrovore per tenere sotto controllo il livello d’acqua e lo stato degli argini delle casse di espansione.

A Carrara sono andati avanti tutta la notte i lavori di sgombero delle macerie della palazzina crollata dopo che era stata evacuata in seguito ai primi cenni di cedimento.

Il presidente della Regione, Enrico Rossi, ieri, ha firmato la richiesta di stato di emergenza relativamente al territorio delle province di Massa Carrara e di Lucca, una decisione che faciliterà gli interventi in somma urgenza sulle numerose criticità presenti.

Alle 17 di questo pomeriggio è prevista una nuova riunione operativa presso la sede della Protezione civile di Massa.

Mentre si cerca di tamponare l’emergenza e di arginare i danni, i cittadini della zona parlano di “frane annunciate” e pare che da tempo alcuni di loro avessero denunciato la pericolosa situazione.

Intanto la Procura di Massa ha aperto un’inchiesta per disastro colposo e omicidio colposo plurimo in seguito alle frane di Lavacchio e Mirteto dove sono morti Nara Ricci, 39 anni e suo figlio Mattia Guadagnucci, 2 anni, e Aldo Mafredi, 48.

Oggi sulle salme delle vittime sarà effettuata a Pisa l’autopsia.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 3 Novembre 2010. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.