Archivi

Evasione in Toscana vale nel 2011 oltre 3,5 miliardi di euro

Firenze – Nel 2011 in Toscana sono stati sottratti al bilancio dello Stato ben 3,5 miliardi di euro e l’economia sommersa, l’evasione internazionale, il lavoro irregolare e l’evasione diffusa sono gli illeciti su cui si è concentrata l’attenzione della Guardia di Finanza regionale.

I dati relativi all’anno appena concluso sono stati illustrati, ieri, a Firenze dalla Guardia di Finanza del Comando regionale della Toscana che ha messo in luci gli elementi più significativi dell’azione di controllo.

Gli evasori totali scoperti nel 2011 sono stati 519; la cifra che hanno sottratto all’erario arriva a 741 milioni di euro; a questi vanno aggiunti i 179 evasori paratotali con altri 530 milioni occultati.

I casi più numerosi sono stati individuati nelle province di Grosseto (70), Firenze (66) e Livorno (64). Mentre sono stati 723 i responsabili di casi di evasione di grandi dimensioni denunciati alle Procure della Repubblica.

A Firenze e Arezzo sono stati accertati fenomeni di evasione fiscale internazionale per oltre 1 miliardo di euro con capitali finiti in paesi “off-shore”.

Sono diminuiti, rispetto al 2012, i casi di lavoro nero, mentre è in aumento il lavoro irregolare: sono stati verbalizzati 539 lavoratori in nero e 549 irregolari (+48% rispetto al 2010), con ritenute non versate per 10 milioni di euro (+67% rispetto al 2010).

Rimangono in buon numero anche gli esercizi commerciali che non rilasciano scontrini e ricevute fiscali: nel 2008 il tasso di irregolarità (a parità di controlli) era del 16,8% mentre nel 2011 è arrivato al 21%.

In aumento il numero dei cittadini che hanno segnalato violazioni fiscali o di altri illeciti finanziari al 117: la media mensile delle chiamate, nell’ultimo trimestre del 2011, è stato di 204 telefonate, il doppio di quante ne arrivavano prima.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 11 Febbraio 2012. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.