Archivi

Emergenza idrica: scatta il piano di coordinamento della Regione

Firenze – Le recenti e abbondanti nevicate delle ultime settimane non hanno modificato sostanzialmente il quadro di emergenza siccità in Toscana.

La Regione ha quindi deciso di far partire il piano di coordinamento delle azioni e degli interventi per far fronte all’emergenza idrica ormai in atto da tempo anche nella nostra regione.

Da un nuovo impulso alle opere già finanziate per ridurre i rischi di carenza idrica, a un regolamento regionale che ottimizzi l’uso dell’acqua, fino alle azioni urgenti per avere una gestione ottimale delle risorse di Montedoglio e un coordinamento delle Autorità di bacino, delle Province e dei gestori del servizio idrico integrato per monitorare la situazione: sono questi, in estrema sintesi, i punti del programma che la Regione ha approntato per superare i rischi di carenza di approvvigionamento idropotabile.

E’ stata inoltre insediata una commissione composta da Regione, Province, Ato, Arpat, Autorità di bacino e gestori che avrà il compito di varare una serie di iniziative per ottimizzare l’uso delle risorse disponibili e monitorare l’evoluzione della situazione.

“Qualora perduri l’attuale situazione di scarsissima piovosità – ha spiegato l’assessore regionale all’ambiente Anna Rita Bramerini – oltre che gestire e coordinare gli interventi, dovremmo assumere decisioni per razionalizzare le residue risorse idriche in tempi congrui. Dato poi che la riduzione della piovosità è l’effetto dei cambiamenti climatici, stiamo comunque sviluppando politiche di adattamento oltre che di contrasto”.

Di fatto il 2011 è stato un anno decisamente secco dove è piovuto molto meno del normale – circa il 40% in meno su scala dell’intera regione – specialmente nei mesi di gennaio, aprile, maggio, settembre, ottobre e novembre, i mesi tra i più secchi di sempre.

E infatti, l’invaso di Bilancino, che ha un volume massimo di 69 milioni di metri cubi di acqua, si trova al momento a 37 milioni, l’invaso di Montedoglio, da un massimo di 72 milioni, al momento è a quota 29 milioni con soli 19 milioni utilizzabili; l’invaso di Cerventosa (Cortona) è esaurito da dicembre, all’invaso di Astrone (Chianciano) rimane acqua per soli 3 mesi e l’Arno ha un deflusso sostenuto quasi esclusivamente dai rilasci da Bilancino Levane e La Penna.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 20 Febbraio 2012. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

3 Responses to Emergenza idrica: scatta il piano di coordinamento della Regione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.