Archivi

Degrado a Firenze: Phasar lancia campagna contro escrementi di cani

Firenze – Alzi la mano chi di voi, passeggiando per le strade del centro di Firenze, non si è mai trovato a dover scansare il “ricordo” lasciato del passaggio di un cane?

Quello dei bisogni degli amici a quattro zampe lasciati sui marciapiedi è un problema di molte città italiane, Firenze compresa: l’amministrazione comunale ha cercato di risolverlo negli anni passati introducendo alcune normative

Il Regolamento comunale sui cani, infatti, all’art 25 prevede l’obbligo per i proprietari di raccogliere gli escrementi prodotti dai cani e per questo di essere sempre dotati di paletta e sacchetto: la multa per l’inosservanza del regolamento è fissata tra i 40 e 75 euro, a seconda del tipo di mancanza. A questo si aggiunge il Regolamento della polizia municipale che fissa sanzioni da 80 a 500 euro per chi è sprovvisto dell’attrezzatura per rimuovere gli escrementi o per chi omette di farlo.

Nonostante ciò i controlli non sempre sono accurati e il problema permane: un problema quindi che sembra riguardare più il senso di civiltà delle persone che altro.

Per cercare di sensibilizzare i fiorentini su questo tema, è nata “Firenze, città di Arte, di Storia e di Str..”, campagna sociale realizzata da Phasar, agenzia che ci occupa di comunicazione: a idearla sono stati infatti Alberto e Niccolò Ferraese, rispettivamente direttore e art director dell’Agenzia

“Nonostante tutti i problemi che si possono incontrare ogni giorno, Firenze è una bella città, ma spesso siamo proprio noi fiorentini a trattarla male, coi nostri comportamenti quotidiani – spiega Niccolò Ferrarese – La campagna è nata quindi dal nostro vivere quotidiano, sempre a scansare, in un continuo zig zag, deiezioni canine lasciate lì in mezzo ai marciapiedi, davanti a case, cancelli e portoni dei palazzi: moderne trappole, mine antiuomo organiche che ormai campeggiano ovunque in una città che dovrebbe essere il nostro “salotto buono” da salvaguardare e tutelare.”

Phasar ha così realizzato alcune locandine pubblicate sulla propria pagina Facebook: nella locandina si vede il David di Firenze, il più famoso simbolo della città, alle prese proprio con un escremento canino.

“In Agenzia siamo abituati alle campagne sociali sui cui abbiamo spesso lavorato in passato; ma stavolta, liberi da brief e autonomi su tutta la linea, abbiamo deciso di impegnarci attivamente con una pubblicità magari politicamente scorretta, ma che dica le cose come stanno, senza troppi giri di parole” prosegue Ferrarese.

Secondo Phasar gli “str…” infatti sarebbero non solo quelli che vengono lasciati sui marciapiedi, ma anche tutti quei padroni di animali che non li raccolgono lasciandoli per terra, in attesa che qualcuno li pesti.

“Non ce l’abbiamo con i nostri amici a quattro zampe, ma con chi li porta in giro e ci lascia quei ricordini – conclude Niccolò Ferrarese – Abbiamo usato il celebre David, accompagnato da una Head ironica e provocante, nello spirito di noi Toscani, che esalti la grandezza di una Firenze del passato in contrapposizione ad uno dei problemi quotidiani”.

L’obiettivo dell’iniziativa è quella di sensibilizzare sempre di più i fiorentini (ma non solo!), operando così sul fronte culturale: per questo Phasar invita tutti i fiorentini che approvano la campagna a farla propria, condividendo la foto su internet o stampando la locandina e attaccandola a propri cancelli o portoni.

Un modo semplice per contribuire a riscoprire non solo il proprio senso civico ma anche quello altrui e per dare una mano a salvaguardare il decoro e la bellezza di Firenze.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 22 Aprile 2013. Filed under Cronaca. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.