Archivi

Crescono in Toscana i giovani laureati e disoccupati. Il 9% dei laureati emigra al Nord

Firenze – Emigrano al Nord i giovani laureati toscani. Il 9% dei laureati prende la valigia e abbandona la regione.

E’ quanto emerge dall’Osservatorio regionale sul mercato del lavoro.

E’ in costante aumento il numero dei giovani disoccupati. La disoccupazione giovanile in Toscana nel 2009 è cresciuta del 15% nella fascia 15-24 anni e del 23% in quella 25- 34 anni, mentre nel primo trimestre 2010 i giovani in cerca di occupazione nelle due fasce di età erano in tutto 69 mila con un tasso di disoccupazione del 26% nella fascia fino a 24 e del 12% in quella fino a 34.

I dati peggiorano se a cercare il lavoro è una giovane donna: i numeri raddoppiano.

Più si alza il grado di istruzione e più l’economia toscana non è in grado di assorbire questo capitale umano. I laureati che trovano lavoro sono appena il 10,7% del totale, a fronte del 12,5% italiano e di percentuali ancora più elevate in alcune regioni del Nord.

“Le difficoltà di inserimento dei laureati nel mercato toscano – ha spiegato l‘assessore regionale al lavoro, Gianfranco Simoncini – sono dettate da offerte di lavoro scarse o comunque poco gratificanti anche sotto il profilo retributivo. In questo contesto si spiega anche la scarsa presenza di laureati in discipline scientifiche, al di sotto della quota del 15% indicata dall’Unione Europea per il 2010. ”.

Per colmare questo gap la Regione metterà in campo una serie di interventi, nella maggior parte dei casi finanziati o cofinanziati dal Fondo sociale europeo, per favorire formazione, occupazione e qualificazione professionale dei giovani toscani. Per il 2011 la Regione ha programmato interventi destinati ai giovani per oltre 55 milioni di euro.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 17 Novembre 2010. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.