Archivi

Comuni Ricicloni 2011: Montelupo e Montespertoli 1° in Italia

Firenze – Montespertoli, Seravezza, Capannori, Montelupo Fiorentino, Montecarlo e Vaiano, Vinci, Cerreto Guidi: sono questi gli 8 “Comuni Ricicloni” della Toscana, ovvero i più virtuosi nel riciclaggio dei rifiuti per il 2011.

A sostenerlo è Legambiente, secondo la quale Montelupo, con l’85% di raccolta differenziata e Montespertoli con l’84%, sono al primo posto in Italia. Inoltre Montespertoli si conferma, primo comune sopra i 10.000 abitanti vincitore assoluto dell’Area Centro e della Toscana in base all’Indice di buona gestione.

Per essere “ricicloni” si doveva raggiungere quota 60% di raccolta differenziata dei rifiuti nel corso del 2010, secondo quanto previsto dalla Finanziaria.

La Toscana si trova al 12°posto a livello nazionale grazie a 8 comuni ricicloni su 287 e con una percentuale del 2,8% di raccolta differenziata, con un calo rispetto al 2010 quando contava 9 comuni ed aveva una percentuale del 3,1%.

Da notare che nessuno dei comuni capoluogo di provincia in Toscana è riuscito a raggiungere il 60% di quota di raccolta differenziata.

Se il limite minimo di raccolta differenziata finalizzato al riciclaggio è la condizione per essere considerato “riciclone”, Legambiente fa sapere che la classifica o la valutazione avviene invece attraverso l’Indice di Buona Gestione che rappresenta l’azione a tutto campo della politica dei rifiuti: viene considerata cioè la produzione totale di rifiuti pro capite, la separazione di rifiuti pericolosi, i metodi di raccolta etc.

Per i comuni sopra i 10.000 abitanti, al primo posto dell’Area centro troviamo, appunto, Montespertoli, in provincia di Firenze, con un indice di buona gestione del 78,78 ed una percentuale di raccolta differenziata dell’84%, seguito da Seravezza con un indice 67,17 e una percentuale di raccolta differenziata del 76,0%.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 14 Luglio 2011. Filed under Cronaca. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.