Archivi

Castiglione della Pescaia (Gr) è il Comune più “riciclone” d’Italia

Grosseto – Dopo la bandiera Blu, le 5 vele, le registrazioni Emas e le certificazioni Iso, adesso un’altra medaglia da appendere sul petto dell’assessorato all’ambiente del Comune di Castiglione della Pescaia: ha infatti vinto il concorso di Legambiente che premia i comuni con i migliori sistemi di gestione dei rifiuti urbani.

A Roma, l’assessore comunale all’ambiente, David Bulleri, accompagnato dall’ingegner Donatella Orlandi, ha ricevuto ben due riconoscimenti come miglior comune del centro Italia per la raccolta di alluminio e cartone.

Al concorso nazionale, hanno partecipato 1.800 comuni in tutta Italia, che hanno inviato i dati relativi ai rifiuti urbani prodotti nel 2009.

“E’ un risultato incredibile – ha commentato Bulleri – che ci riempie di gioia. Essere premiati per ben due volte è il coronamento di tutti gli sforzi e il riconoscimento maggiore per il lavoro che svolgiamo ogni giorno. Siamo stati gli unici nel centro Italia a ricevere due premi per due tipologie diverse di raccolta”.

Presente alla premiazione il presidente onorario di Legambiente, Ermete Realacci, e il Presidente Nazionale, Vittorio Cogliati Dezza.

Legambiente ormai da 17 anni promuove a livello nazionale il rapporto “Comuni ricicloni” a cui aderiscono un numero sempre maggiore di comuni che vedono nell’iniziativa un importante momento di verifica e di comunicazione degli sforzi compiuti per avviare e consolidare la raccolta differenziata, e più in generale il sistema integrato di gestione dei propri rifiuti.

L’iniziativa di Legambiente è finalizzata a premiare quelle amministrazioni che hanno ottenuto i migliori risultati nella gestione dei rifiuti: raccolte differenziate avviate a riciclo, ma anche acquisti di beni, opere e servizi che abbiano valorizzato i materiali recuperati da raccolta differenziata.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 6 Luglio 2010. Filed under Cronaca. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *