Archivi

Buco Asl di Massa: la Regione chiede risarcimenti

Firenze – La prima diffida è partita contro la Deloitte, l’agenzia che certificò il bilancio 2008 della Asl di Massa. Altre due lettere di diffida sono state inviate all’ex direttore generale della Asl di Massa e Carrara Antonio Delvino, all’ex dg della stessa Asl (oggi direttore generale a Pistoia) Alessandro Scarafuggi, all’ex direttore amministrativo Ermanno Giannetti e ai componenti dei tre collegi sindacali che si sono succeduti dal 2005 al 2010.

La Regione Toscana chiede i risarcimenti per il buco di bilancio dell’Asl di Massa, una cifra valutata sui 270. Ammanco su cui indaga anche la Procura di Massa.

La cifra richiesta dalla Regione è di 319 milioni di euro, più la restituzione da parte dei Dg di quanto percepito come indennità aggiuntiva in base agli obiettivi raggiunti nel corso della loro attività.

Trasparenza totale e indennizzo del danno: chi ha sbagliato paghi. Sono le parole d’ordine del Presidente Rossi su questa vicenda come ha ribadito sulla sua pagina Facebook.

“Dopo aver inviato la prima diffida alla Deloitte, – dice Rossi in un comunicato ufficiale –  l’agenzia che certificò il bilancio 2008 della Asl nonostante fosse chiaro da una nostra lettera che, a differenza di quanto riportato nel bilancio, non riconoscevamo alcun credito all’azienda stessa, procediamo nei confronti di altri soggetti che per legge avrebbero dovuto vigilare, chiedendo risarcimento per i danni subiti dalla Regione in questa vicenda.”

In una nota Alessandro Scarafuggi, l’ex direttore generale dell’Asl 1 di Massa, oggi direttore generale a Pistoia, fa sapere di aver appreso della lettera dalla stampa e di attendere di leggere il contenuto della missiva per poter commentare.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 10 Marzo 2011. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.