Informativa sull'uso dei cookie

BTO11: ritorno alle origini per la manifestazione dedicata al mondo del turismo

Smart tourism, sarà questa le parola chiave dell’edizione 2019 di BTO – Buy Tourism Online, evento dedicato al turismo, che si terrà a Firenze il 20-21 marzo prossimo.

Con l’addio del direttore scientifico e fondatore, Giancarlo Carniani, l’undicesima edizione di BTO si preannuncia davvero come quella del cambiamento, non solo dal punto di vista della direzione ma soprattutto del format.

Dopo lo slittamento delle date, da dicembre a marzo, a sottolinearlo è adesso anche il ritorno alla Stazione Leopolda come sede dell’evento: BTO11 infatti torna a casa, nel luogo dove era nata dieci anni fa. Un ritorno che segnerà anche l’abbandono della parte fieristica, sviluppatasi negli anni, per tornare a dare spazio ai contenuti scientifici e alla formazione degli operatori.

Queste almeno le intenzioni degli organizzatori dell’evento, Regione Toscana e Camera di Commercio, che questa mattina, a Firenze, hanno presentato il nuovo advisor board di BTO11, la cabina di regia che si occuperà di stilare il programma definitivo. A guidare il gruppo di lavoro è Francesco Tapinassi, consulente, docente di marketing e dal 2014 dirigente Mibact (quando cioè Mibac si occupava di turismo).

E’ stato proprio Francesco Tapinassi a rivelare il tema chiave di BTO11: smart tourism. In oltre 100 appuntamenti verrà infatti declinato il significato del termine “smart” nel turismo, con particolare attenzione a quattro settori: Destination, Hospitality, Digital Strategies e Food and Wine Tourism.

“Vogliamo avviare una grande riflessione su un sistema intelligente di gestione del turismo, una grande sfida non solo per l’Italia ma per tutto il mondo e per questo vogliamo recuperare anche il tema originario della manifestazione, ovvero l’importanza del digitale – ha spiegato Tapinassi – Oggi essere smart significa essere pronti ad afferrare il cambiamento, non solo tecnico ma anche sociale. Ecco perchè abbiamo creato un advisor board molto ampio, dove ogni membro porterà la propria esperienza per costruire un programma vicino ai bisogni reali degli operatori”

Ascolta l’intervista completa a Francesco Tapinassi su BTO11

A comporre l’advisor board di BTO11 sono quasi 50 nomi, professionalità che si occupano da tempo nel mondo del turismo: dal Prof Rodolfo Baggio dell’Università Bocconi, a Luca Bove di IM Evolution, da Francesco Palumbo, direttore generale Mibac, a Roberta Garibaldi, Università di Bergamo, a Roberta Milano dell’Università cattolica del Sacro Cuore, a Carlo Vischi, di H-Farm.

I lavori dell’advisor board sono iniziati oggi: nelle prossime settimane verrà delineato il programma e saranno annunciati gli ospiti della manifestazione. Nel frattempo sono stati già in vendita i biglietti sul sito dell’evento.

“BTO è una manifestazione legata al territorio di Firenze e così rimarrà – ha concluso Claudio Bianchi vice-presidente della Camera di Commercio di Firenze che ha smentito l’ipotesi che l’evento potesse diventare biennale – Siamo il luogo ideale per promuovere una riflessione sul tema del turismo”.

Condividi il post

Google1
Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 30 ottobre 2018. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.