Archivi

Botti di Capodanno: sequestri e divieti di utilizzo in Toscana

Firenze – Un deposito di botti di capodanno di ogni genere, nascosto in pieno centro a Castelfiorentino: è quello scoperto dalla Guardia di Finanza che ha sequestrato 387 Kg di fuochi d’artificio.

Razzi, bombe carta, petardi di ogni genere e forma erano stipati in 2 vani di una cantina, posta sotto l’abitazione di un 67enne di Castelfiorentino, titolare di una ditta di vendita di giocattoli.

I prodotti erano stati importati dalla Cina da una società di San Marino che li ha rivenduti a “grossisti” italiani e che a loro volta li vendevano tramite passaparola a Castelfiorentino e in altri comuni del circondario dell’Epolese-Valdelsa.

I prezzi variavano da € 50/60 sino a raggiungere anche 300 € per i “fuochi” più “potenti”, con un ricarico pari a 5 volte il prezzo di acquisto.

Il 67enne è stato denunciato per commercio ed omessa denuncia di possesso di materie esplodenti mentre i fuochi d’artificio sono stati sequestrati dalle Fiamme Gialle.

Intanto, in attesa della notte di Capodanno 2012, alcuni comuni toscani hanno invitato i cittadini a limitare l’utilizzo dei botti, a cominciare da Pistoia: qui il sindaco ha emanato un’ordinanza che vieta di scoppiare petardi o botti nel centro storico della città e ha invitato tutta la cittadinanza ad adottare comportamenti rispettosi delle altre persone e degli animali.

Divieto di esplosione botti anche nel centro storico di Siena, dove il sindaco Ceccuzzi ha annunciato per oggi l’emanazione dell’ordinanza.

Nelle ultime ore si sono aggiunti anche i Comuni di Sesto Fiorentino, Quarrata, Cortona e Portoferraio.

A Firenze invece l’assessore Meucci ha rivolto un appello ai cittadini ad adottare comportamenti rispettosi ma senza emanare alcun provvedimento specifico, così come a Fiesole, Forte dei Marmi e Pisa.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 30 Dicembre 2011. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.