Archivi

Borse di studio per universitari in difficoltà economica

Firenze – La Regione Toscana mette a disposizione mezzo milione di euro per borse a favore di studenti universitari meritevoli le cui famiglie sono colpite dalla crisi economica.

La proposta è stata avanzata dall’assessore e vicepresidente Stella Targetti e la Giunta ha approvato un ampliamento ai criteri che serviranno, all’Azienda regionale per il diritto allo studio universitario, da base per l’adozione dei relativi adempimenti e per assegnare, in concreto, le borse di studio.

Borse da mille euro l’una, cumulabili con le borse ordinarie ed erogate dall’Azienda per il diritto allo studio in un’unica soluzione.

Secondo i nuovi indirizzi potranno presentare domanda gli studenti universitari, fiscalmente a carico della famiglia di origine, iscritti nell’anno accademico 2009/2010.

Almeno uno dei genitori deve rispondere – a partire dal 1 gennaio 2009 – ad almeno uno fra i requisiti indicati in delibera: essere beneficiario di Cigs o di indennità di mobilità per almeno 6 mesi, essere beneficiario di indennità di disoccupazione ordinaria e iscritto nelle liste di mobilità, essere beneficiario di Cigo se al periodo coperto dalla Cigo sia seguita la sospensione dell’attività lavorativa dell’azienda.

Gli studenti devono risiedere, con la famiglia di appartenenza, in Toscana o comunque avere un genitore in Cigs o mobilità proveniente da impresa o unità produttiva ubicata in Toscana.

Inoltre gli studenti devono essere in possesso della metà più uno dei crediti rispetto a quelli occorrenti per chiedere la borsa di studio ordinaria.

La delibera indica altre possibilità di presentare domanda, riservate a studenti considerati “indipendenti” secondo le vigenti norme regionali sul Dsu.

Sarà adesso l’Azienda regionale per il diritto allo studio ad attuare la delibera definendo modalità operative e dettagli attuativi.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 14 Ottobre 2010. Filed under Cronaca. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.