Archivi

Aumentano i roghi da scarti agricoli in Toscana

Firenze – Piccoli incendi nati dalle operazioni di smaltimento delle potature e dei residui di tagli boschivi, ma che in alcuni casi sono diventati pericolosi: è il fenomeno che nelle ultime settimane ha interessato diverse zone della Toscana.

Secondo i dati della Regione Toscana, i piccoli falò accesi nel mese di marzo, per bruciare incolti e residui vegetali hanno causato numerosi incendi, complice anche il forte vento: in alcuni casi, nei comuni di Fosdinovo e Comano (Massa Carrara), e di Capannori e Stazzema (Lucca) sono dovute intervenire le squadre antincendio; in un caso è stato necessario anche l’elicottero.

Per questo l’Organizzazione regionale antincendi boschivi ha lanciato un appello alla massima attenzione: il Regolamento Forestale, infatti, vieta espressamente “l’abbruciamento” (ovvero la pratica di bruciare i residui di agricoltura) in presenza di vento intenso; la sanzione per chi trasgredisce è di 120 euro. Più in generale, ai fini della prevenzione antincendi boschivi, i coltivatori e i cittadini vengono invitati al rispetto delle norme di sicurezza per ridurre il rischio che i fuochi possano sfuggire al controllo: tra le indicazioni che vengono date ci sono quelle di non lasciare incustodito il fuoco e di non bruciare in presenza di vento intenso; inoltre all’interno del bosco, e in una fascia contigua di 50 metri, occorre anche utilizzare spazi vuoti e ripuliti dalla vegetazione, concentrare il materiale in piccoli cumuli, effettuare un controllo costante con un numero sufficiente di persone fino al completo spegnimento del fuoco.

Informazioni più precise sulle modalità di effettuazione degli abbruciamenti sono inoltre contenute nel testo del Regolamento Forestale.

Il fenomeno degli abbruciamenti come causa di incendi non è nuovo in Toscana: nel 2009, su 557 incendi che hanno interessato il territorio, 40 sono stati causati dallo smaltimento di residui vegetali; in molti casi sono state coinvolte superfici limitate a un ettaro, ma in un caso sono stati oltre 60 gli ettari di superficie bruciata.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 8 Aprile 2010. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.