Archivi

Argomarine: dalla Toscana progetto europeo contro l’inquinamento del mare

Livorno – Monitorare gli effetti dello sversamento da idrocarburi nel Mediterraneo per creare un modello che permetta di contenere gli effetti di questo tipo di inquinamento e aiuti nella bonifica: è l’obiettivo del progetto “Argomarine” nato nel 2009 per volontà del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, e finanziato dall’Unione Europea.

Il progetto, coordinato da un omonimo Consorzio, che riunisce 9 partners da 5 paesi europei, mette insieme una serie di dati, ricavati da satelliti, boe, segnali chimici, che riguardano la circolazione di acque e venti, per creare un modello matematico che consente di controllare eventuali sversamenti in mare.

In questi giorni il team di Argomarine è intervenuto all’Isola del Giglio, dopo il naufragio della nave Costa Concordia: i tecnici infatti sono stati chiamati per analizzare l’eventuale sversamento del carburante della nave. Dopo aver creato un modello matematico di previsione, sono stati raccolti i dati idrodinamici, grazie all’impiego di alcune boe, inviati poi all’Università di Algarve in Portogallo e al Marine Information System del CNR, per il perfezionamento delle previsioni.

“L’obiettivo di questi studi non è legato tanto al caso della Costa Concordia in sé quanto all’individuazione di un modello che possa essere utilizzato in generale in caso di sversamento di materiali galleggianti, come il petrolio – spiega Michele Cocco, coordinatore del progetto Argomarine – Noi non possiamo prevenire uno sversamento, dovuto per lo più ad incidenti o azioni illegali, ma possiamo fornire informazioni sul comportamento della macchia, contenendo così l’inquinamento e velocizzando le operazioni di bonifica”.

Il progetto riguarda la fuoriuscita di idrocarburi ma potrebbe essere adattato anche ad altre sostanze: “Il nostro modello ad esempio potrebbe tornare utile nella gestione del fenomeno del Pacific Trash Vortex, l’isola di spazzatura galleggiante che si è formata, a partire dagli anni ’50, nell’Oceano Pacifico” prosegue Michele Cocco.

E nel caso dei fusti tossici, individuati ieri al largo dell’isola della Gorgona? “Per la Gorgona la situazione è differente: le sostanze tossiche contenute nei fusti hanno un peso specifico superiore all’acqua e quindi non galleggiano – spiega il dott Cocco – Lì si tratterà di monitorare soprattutto l’eventuale contaminazione della catena alimentare, dovuta all’apertura dei fusti, con analisi dirette sul pescato”.

Oltre alle conseguenze sul piano della salvaguardia dell’ambiente marino, Argomarine è interessante anche dal punto di vista della comunicazione scelta: al sito internet ufficiale, messo in piedi nel 2009, e alla copertura video, il team ha recentemente affiancato canali sui principali social media come Facebook, Youtube, Youreporter ma soprattutto Twitter, dove viene fatto il live blogging del progetto: un modo che consente non solo la divulgazione delle notizie a tutti coloro che ne sono interessati ma che permette anche ai membri del team scientifico, distribuito in 5 paesi diversi, di tenersi in contatto costante.

“Il tipo di comunicazione scelta per far conoscere questo progetto ha impressionato molto la Comunità Europea, tanto che ci è stato chiesto di scrivere quanto fatto per presentarlo come best practiceconclude Aurora Ciardelli, responsabile della comunicazione del Parco Nazionale Arcipelago Toscano – L’UE sembra intenzionata infatti a rendere obbligatorio questo modello di comunicazione per la divulgazione dei progetti scientifici futuri”.

(Foto tratte dai social di Argomarine)

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 16 Febbraio 2012. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.