Informativa sull'uso dei cookie

Archivi

Inaugurato a Pistoia l’anno del treno turistico: primo viaggio 2020 del Porrettana Express

Sono state circa 100mila le persone che nel 2019 in Italia hanno viaggiato con i treni storici di Ferrovie Italiane mentre il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, a Napoli, ha segnato un record di presenze, con 200mila visitatori, +17% rispetto al 2018: sono i numeri con i quali si apre il 2020 anno del treno turistico in Italia, voluto da MIBACT.

I dati sono stati resi noti oggi a Pistoia in quella che avrebbe dovuto essere l’inaugurazione ufficiale dell’anno del treno turistico, alla presenza del ministro die beni culturali e turismo Dario Franceschini. Il Consiglio dei Ministri straordinario convocato per discutere del Coronavirus ha però costretto Franceschini a rimanere a Roma e ad intervenire solo via telefono.

La cerimonia si è comunque svolta al Deposito dei Rotabili storici di Pistoia, alla presenza delle autorità come il sindaco Alessandro Tomasi, l’assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli e Luigi Cantamessa, Direttore Generale Fondazione FS Italiane.

Il nostro obiettivo è utilizzare l’anno del treno turistico per promuovere una forma di turismo sostenibile alla scoperta delle bellezze meno note del paese, anche per combattere il cosidetto overtourism – ha spiegato il Ministro Dario Franceschini, via telefono – Organizzeremo eventi e porteremo stampa e tour operator a riscoprire le bellezza dell’Italia grazie al turismo lento”.

La scelta di Pistoia come sede della prima tappa di questo tour in Italia non è stata casuale: qui nel 2019 è stata inaugurata la Porrettana Express progetto che ha visto la collaborazione tra 25 organizzazioni toscane ed emiliane, realtà del territorio e istituzioni per valorizzare e promuovere la linea Porrettana che da Pistoia attraversa l’Appennino Tosco Emiliano raggiungendo Bologna.

Una linea che ha fatto la storia d’Italia unendo per la prima volta Bologna a Firenze nel 1845. Un progetto difficile da realizzare per i tempi e che ha mantenuto la sua strategicità fino all’apertura della Direttissima Prato-Bologna nel 1934.

Negli scorsi anni la linea ha rischiato di venire dismessa ma grazie anche all’intervento della Regione Toscana è stato possibile avviare il progetto di recupero. Nel 2019 è così partito il progetto Porrettana Express, dieci viaggi-eventi realizzati con treni storici che hanno visto la partecipazione di oltre 2000 persone. Un modo per riscoprire il territorio dell’Appennino Tosco-Emiliano, grazie ad una forma di turismo sostenibile e slow.

Nelle prossime settimane verrà presentato il programma 2020 della Porretana Express, che si preannuncia ancora più ricco di eventi ed iniziative e che per la prima volta coinvolgerà anche il Deposito Rotabili Storici di Pistoia. Il Deposito è un vero e proprio museo a cielo aperto che Fondazione FS ha restaurato e aperto al pubblico nel 2018. Quest’anno durante alcuni degli eventi della Porretana Express sarà possibile visitarlo.

Intanto il primo viaggio 2020 del treno storico della Porretta Express è partito proprio questa mattina, subito dopo la presentazione ufficiale: un breve spostamento a 50 km all’ora che ha permesso alla stampa, nonostante la giornata di pioggia, di fare comunque due fermate.

La prima tappa è stata alla stazione di Valdibrana, fuori Pistoia, appena restaurata: qui si trova il viadotto in pietra che veniva usato nell’800 per far prendere velocità ai treni a vapore. Oggi il viadotto è in disuso e diventerà un belvedere per ammirare la città di Pistoia.

La seconda tappa è stata Piteccio, una delle stazioni più piccole d’italia dove ad accogliere stampa e autorità era presente un presidio Coldiretti con prodotti a km 0.

L’anno del treno turistico sarà l’occasione per promuovere nuove iniziative per i treni storici – ha annunciato Luigi Cantamessa, DG Fondazione FS – A Pistoia stiamo lavorando per potenziare il Deposito, portando al suo interno eventi culturali e anche attività commerciali. Il 25 febbraio invece saremo al Museo di Pietrarsa a Napoli per la presentazione del restaurato Arlecchino, il treno che nel 1960 entrò in funzione per le Olimpiadi in Italia. Un altro progetto al quale stiamo lavorando è il rilancio del Trenino verde della Sardegna”.

Condividi il post

Google1
Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 31 Gennaio 2020. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

2 Responses to Inaugurato a Pistoia l’anno del treno turistico: primo viaggio 2020 del Porrettana Express

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.