Archivi

Aeroporto Firenze: oltre 11 milioni di euro intercettati in 3 anni

Firenze – Doppio fondo di valigie, pupazzi di peluche o barattoli di caffè: sono numerosi i metodi messi in atto per tentare di occultare denaro scoperti dalla Guardia di Finanza di Firenze e dall’Agenzia delle Dogane all’Aeroporto fiorentino Amerigo Vespucci di Peretola.

Secondo le Fiamme Gialle solo nei primi 9 mesi del 2011 sono stati rinvenuti quasi 3 milioni di euro di denaro non dichiarato, in entrata o in uscita dal paese, trasportato da 97 persone di varia nazionalità per un importo di sanzioni pari a 97.000 euro.

Per legge ogni viaggiatore è obbligato infatti a dichiarare somme pari o superiori a 10.000 euro, pena una sanzione pecuniaria del 5% su quanto eccede, e comunque non inferiore a € 200. L’ultimo caso è quello di un cittadino iraniano residente a Bagno a Ripoli fermato alla dogana con 137.000 euro in contanti, occultati all’interno del proprio bagaglio a mano.

Il fenomeno, secondo la Guardia di Finanza, risulta costante negli ultimi 3 anni e mezzo e fa di Peretola uno degli scali più interessati dal fenomeno in Italia: sono state verbalizzate complessivamente 364 persone per un importo pari a 11 milioni di euro. Si tratta di cittadini italiani e stranieri delle più diverse nazionalità anche se il denaro in uscita è trasportato per lo più da cinesi.

Chi arriva a Peretola con ingenti somme di denaro è diretto o verso Arezzo per l’acquisto di manufatti in oro, oppure verso aziende di Firenze e Prato per l’acquisto di merce del settore moda.

Tra i metodi più bizzarri di occultamento c’è quello di un 24enne cinese, residente in Firenze, e diretto a Shanghai, che ha occultato 27 delle 46 banconote da 500 euro trasportate, in una spazzola per capelli. L’uomo, dopo aver pagato 676 euro di sanzione, è ripartito per la Cina.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 20 Ottobre 2011. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.